Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 20 Ottobre 2022

144

- Pubblicità -

L’immagine del fuoco affascina e spaventa. Il fuoco scalda, illumina, ma anche purifica e distrugge. Il fuoco è simbolo di passione e san Francesco Saverio, uno dei primi Compagni di sant’Ignazio, viene spesso rappresentato con il cuore infiammato, perché sentiva tutto l’ardore e l’amore di Dio e per Dio. Due uomini passionali e appassionati, infuocati dalla parola Dio e capaci di portare questo fuoco nel mondo.

Fin da piccoli ci hanno insegnato che giocare con il fuoco è pericoloso, ma senza il suo calore rischiamo di raffreddarci, di perdere vitalità, gioia, entusiasmo. I nostri sogni e i nostri desideri sono la fiamma che alimenta le nostre vite. Gesù ci comunica tutta la sua angoscia d’amore, il suo ardente desiderio che la vita piena si compia, anche se deve passare attraverso l’esperienza dolorosa del fuoco.

Chiediamo al Signore la grazia di sentire il fuoco del suo amore che arde in noi, che ci purifica, ma anche l’umiltà e l’attenzione per non bruciare chi ci è accanto.

- Pubblicità -

Chiara Selvatici

Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato