Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 1 Gennaio 2023

89

- Pubblicità -

Una Buona Notizia per iniziare un nuovo anno? Sì.

Un nome, una storia, un’identità, tanti incontri: tutto questo si chiama Gesù, che significa “Dio salva”. Dio ti salva: per essere felice non serve mercanteggiare, venire a patti con te stesso, con gli altri e con Dio. Non serve nemmeno vivere da schiavo, prostrato supinamente alla logica del potente (o quello che sembra esserlo… ) di turno.

Puoi, invece, proprio oggi accogliere una storia che parla per te, ti potrebbe stupire e farti intravedere nuovi orizzonti. È l’esperienza dei pastori: nella notte, nella ripetitività del loro operare, si lasciano coinvolgere da una nuova visione, da una nuova parola e si mettono in cammino, vivono un incontro e trovano l’entusiasmo di dirlo ad altri. Quanto diversi da prima…

- Pubblicità -

L’atteggiamento di Maria, però, ci ricorda che ogni Buona Notizia, diventa vera, realizzabile nella misura in cui la si custodisce, le si dà il tempo di germogliare – lo ha fatto per nove mesi, continuerà a farlo.

C’è per te una nuova Parola, un nuovo incontro da vivere e custodire, come una vita che nasce e cresce nel tempo, come un tempo lungo un anno… Buon anno d’entusiasmo e cura.

Loris Piorar SJ

Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato