Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 1 Gennaio 2023

77

- Pubblicità -

Iniziamo l’anno celebrando la maternità di Maria, questa donna straordinaria che ha scelto di credere e di mostrare con la sua vita che “nulla è impossibile a Dio” (Lc 1, 37). Maria ci insegna che se accogliamo il piano di Dio per la nostra vita possiamo farci anche noi forza generatrice e moltiplicatrice del suo Amore.

Con Maria madre accogliamo oggi anche il mistero di un Dio che si fa figlio. Quel bambino nella mangiatoia è vero uomo, formatosi nel grembo di una donna. Ma quel bambino è anche vero Dio, che ha deciso di sperimentare la condizione umana nel luogo più umile, nella sua manifestazione più fragile e indifesa.

I primi testimoni di Dio fatto uomo sono gli ultimi del tempo, i pastori, forse gli unici che avrebbero potuto accogliere la potenza e la semplicità di quel Dio nelle vesti di bambino. I pastori, saputa la notizia, non indugiano e accorrono. Dopo aver visto credono e fanno proprio il canto di gloria e di lode degli angeli e dell’esercito celeste (Lc 2, 13), lo gridano ad ogni angolo della città.

Facciamoci guidare questo anno da Maria, accogliamo il dono di Dio nella nostra vita e assieme ai pastori portiamo la gioia del Vangelo nel mondo.

FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

I commenti sono curati da Marta e Enrico Puglisi