Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 24 Ottobre 2019

933

È buffa l’idea che ci siamo fatti del cristianesimo come di un gigantesco anestetico delle coscienze, di una religione-monolite che non cambia mai idea, di una cassaforte blindata di buon senso e superstizione che si tramanda pigramente nei secoli!

Gesù, ci ammonisce, è venuto a portare il fuoco sulla terra! Il vangelo scuote le coscienze, non le assopisce, le illumina, le incendia, le consuma! Se il nostro cristianesimo è diventato così tiepido da essere imbarazzante è a causa della nostra poca fede, del nostro poco entusiasmo, della nostra pigrizia invereconda.

A volte mi interrogo: come è possibile che una fede così piatta, come oggi spesso sperimentiamo essere il cattolicesimo, abbia attraversato duemila anni di storia senza spegnersi? Non è possibile, certo, perché prima di noi ci sono stati molti discepoli che hanno preso estremamente sul serio l’invito di Gesù ad andare fino in fondo, ad osare.

Anche a costo di creare fratture e divisioni nel modo di pensare della propria cultura e delle proprie tradizioni: il vangelo si propone come una forza aggregativa e vincolante che supera i pur legittimi legami famigliari

Fonte

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Non sono venuto a portare pace sulla terra, ma divisione.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 12, 49-53

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!

Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».

Parola del Signore.