Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 12 Gennaio 2023

77

- Pubblicità -

La lebbra è un male temuto e tenuto nascosto, i lebbrosi sono impuri e allontanati dalla città per la paura del contagio.

Colpisce la tenerezza dell’immagine in cui questo lebbroso si inginocchia ai piedi di Gesù. La sua non è la mera richiesta “ti prego, guariscimi”. La sua frase inizia con «se vuoi»: questo lebbroso ha bisogno che Gesù lo voglia, che desideri che lui sia guarito. Più ancora della liberazione dal male fisico, il lebbroso cerca riconoscimento e accettazione.

E Gesù risponde prontamente: «ne ebbe compassione».
È questa compassione ciò di cui ha bisogno il lebbroso, questa accettazione amorevole. È il «lo voglio» che fa scomparire la lebbra.

- Pubblicità -

Le parti che consideriamo malate dentro di noi chiedono amore. La compassione è la capacità che abbiamo di guarirle. Dobbiamo guardare queste parti negli occhi, riconoscerle, ascoltare la loro richiesta, averne compassione. Solo in questo modo possiamo guarirle.

Ettore Di Micco

Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato