Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 2 Luglio 2022

222

- Pubblicità -

“ Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte mentre i tuoi discepoli non digiunano?

Digiunare

Una “ pratica “ presente in tutte le religioni.

Significa “ rinunciare a qualcosa “, sia esso un cibo, un vestito, un piacere, per “ offrire “ a Dio.

Il digiuno è anche uno dei tre cardini del tempo quaresimale, in uno alla preghiera e all’elemosina.

Perché, allora, proprio i discepoli di Gesu’, che dovrebbero essere ancora piu’ zelanti, non digiunano?

Perché… lo sposo è con loro.

L’esempio del matrimonio, che Cristo fa per rispondere al quesito, è eccellente.

Il Signore non sta dicendo ai discepoli di Giovanni che sbagliano a digiunare, ma li sta invitando a   “ scegliere bene i momenti “ in cui mettere in essere detta pratica.

Quando sei ad un banchetto nuziale sei maleducato se non mangi nulla, se digiuni.

Che ci sei andato a fare?

La stessa cosa avviene con Gesu’.

Dove oggi abbiamo la possibilità di mangiare Cristo?

Durante la Messa.

Bene.

Partecipare alla Messa facendo digiuno di Cristo, non accostandosi all’Eucarestia, è come partecipare ad un banchetto di nozze…e non assaggiare neppure una pietanza!!!

Cosa vogliono dire, per dei cristiani del XXI secolo, queste parole?

NON FATE DIGIUNO DI CRISTO.

Lo “ sposo della Chiesa “ è li, è ogni giorno disponibile, in qualsiasi Messa, pronto a farsi mangiare, desideroso di entrare in te, proprio in te.

Perché fai digiuno di Lui?

Perché non corri da Lui ogni giorno?

Questo ci sta dicendo oggi Cristo: non sprechiamo l’occasione per nutrirci di Lui perché ci saranno giorni in cui “ lo sposo ci sarà tolto “ ed, allora, digiuneremo.

Quali sono questi giorni?

Durante la pandemia abbiamo provato un lungo periodo di “ assenza dello sposo “, non potendo partecipare alla Messa.

Sono stati giorni duri, almeno per chi sente, ogni giorno, il desiderio di nutrirsi di Cristo, ma anche molto istruttivi perché hanno insegnato che lo sposo “ puo’ essere tolto “ e che, quindi, bisogna “ approfittarne “ finché è con noi.

Non sprechiamo questo grande dono che Cristo ci fa ogni giorno.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.

A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.