Il commento di don Fabio Rosini al Vangelo di Domenica 5 Maggio 2019

68

Il biblista don Fabio Rosini commenta il Vangelo di domenica 5 Maggio 2019 – Anno C, dai microfoni di Radio Vaticana e dalle pagine di Famiglia Cristiana.

Torniamo a pescare “sulla sua Parola”

Il capitolo 21 di Giovanni narra l’avventura della Chiesa dopo la Risurrezione di Cristo in modo simbolico e profondo. Simon Pietro va a pescare con i suoi fratelli; questo è un segno della chiamata a pescare/evangelizzare – ma stavolta la cosa non va bene e non si pesca nulla.

Che la Chiesa giri a vuoto, non ingrani e non sia incisiva è capitato e capita in ogni epoca. Ma come mai? Il testo affronta proprio questo, raccontando di quando il Signore risorto appare ma non è riconosciuto. Questo non è legato a una Sua inaccessibilità ma all’ottusità dei discepoli che «non si erano accorti che era Gesù».

Allora il Signore irrompe con una domanda: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?», costringendoli a riconoscere che le cose non vanno. Ottenuta l’ammissione del fallimento, fornisce la soluzione: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». Dietro questa indicazione c’è una miniera di signiŒficati – come sempre in Giovanni – ma al livello più elementare c’è semplicemente l’indicazione di pescare in un altro modo, secondo la parola di un Altro e non a partire dalla propria iniziativa, come appare nella frase di Pietro in apertura.

Seguendo l’indicazione dello sconosciuto di colpo le cose funzionano, e si passa dai risultati striminziti alle moltitudini – questo è quel che successe alla prima Chiesa, quando smise di accanirsi solo sui figli di Abramo e si aprì alle folle pagane; allora le reti della Chiesa si riempirono straordinariamente e tutti noi siamo entrati nell’eredità del Messia d’Israele proprio perché Pietro e i suoi fratelli smisero di pescare in modo stantio e si aprirono al nuovo.

E così arriva il conseguente pasto condiviso, che è la ritrovata intimità con il Signore, immagine della liturgia eucaristica dove si incontra il Risorto.

LIBERAZIONE DALL’ERRORE.

Ma questo non basta: la Chiesa deve sempre guarire e Pietro, che la rappresenta, deve dichiarare il suo amore al suo Signore che gli chiede tre volte di manifestarlo, perché tre volte lo aveva rinnegato. E compare la tristezza di Pietro, che è la dolorosa liberazione dall’errore fatto, è l’estraneità all’atteggiamento saccente che lo aveva portato al naufragio del tradimento. Infatti aveva ripetuto il suo solito errore: era partito da sé stesso – l’iniziale: «Io vado a pescare» simile a quel «Darò la mia vita per te!» che aveva preparato il suo rinnegamento.

È proprio qui il punto: Pietro darà veramente la vita per Cristo, dopo aver imparato a non iniziare da sé, ma a gettare le reti secondo la parola del suo Signore, a vivere lasciandosi portare dove lui non vuole, fuori dalla schiavitù al proprio ego, con una veste nuova e come gli dice alla fiŒne Gesù, seguendolo.

Questa è una parola per tutti i cristiani: finché si continua a partire dalla propria volontà i risultati saranno ridicoli, come quelle reti vuote. Urge tornare costantemente a pescare sulla Sua parola, con la consapevolezza dei propri fallimenti. Così si ri-inizia a seguire il Signore sul serio. E arriva tanto frutto.

Qui tutti i commenti al Vangelo della domenica
di don Fabio Rosini

Link al video

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.