Don Luciano Labanca – Commento al Vangelo del 1 Agosto 2021

71

Oltre le illusioni dei surrogati

Cosa cerco davvero nella mia vita? Per cosa vivo? È questa la domanda che suscita in noi la lettura del brano evangelico di questa domenica. Dopo il segno della moltiplicazione dei pani e dei pesci, la folla si è fermata più all’esteriorità del segno che ha soddisfatto il suo bisogno di pane materiale, che non sulla comprensione del valore del segno stesso. Gesù come vero Maestro mette a nudo con la sua Parola tagliente le intenzioni dei cuori: la folla ha trasformato il mezzo in fine.

Il pane materiale, mezzo per manifestare la premura di Dio, nella comprensione della folla è divenuto il fine per cui cercare Gesù. La ricerca del mezzo, dunque, diviene spasmodica, togliendo energie alla ricerca del fine stesso. Il mezzo, purtroppo, è destinato a terminare, mentre il fine è orientato all’eterno. Il rimprovero di Gesù è un invito rivolto a ciascuno di noi a non confondere i mezzi della nostra vita con il fine: il denaro, il piacere, il potere, il benessere o il proprio ego non potranno mai essere fini della nostra esistenza, altrimenti toglieranno il primato a Dio, divenendo idoli.

Questi idoli, a lungo andare, ci chiederanno sacrifici umani: pur di perseguirli, dovremo passare sulle persone e perfino sulla nostra stessa dignità, ritrovandoci inesorabilmente con un pugno di mosche nelle mani. Cosa, o meglio Chi, invece, può veramente appagare la fame e la sete di assoluto che c’è in ciascuno di noi? La ricerca di questo assoluto trova il suo compimento non in cose, ma nella Persona viva e vera di Cristo. È lui il Pane, il dono del cielo, fattoci dal Padre per colmare la fame e la sete di amore, di verità e di assoluto che c’è nel cuore di ognuno di noi.

Quando la nostra vita si nutre di questo Pane vero, credendo nella sua Parola, affidandosi totalmente alla sua Persona, in una relazione reale e profonda, la fame e la sete spirituale vengono colmate e non ci si lascerà abbagliare dall’illusione dei surrogati. Ogni idolo, nella nostra vita, crea dipendenza, tristezza e delusione. Quando si sperimenta esistenzialmente la pienezza dell’incontro con Cristo, invece, si può veramente trovare la forza per vendere tutto ed investire la vita su questa perla preziosa, come il mercante della parabola evangelica.


Fonte

Articolo precedentePerdono di Assisi – 2 Agosto 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 1 Agosto 2021 – Padre Giulio Michelini