don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 1 Agosto 2021

105

Dove c’è Pane c’è Casa

Mangiare insieme è un atto di intimità. Quando si vuole approfondire la conoscenza con qualcuno lo si invita a mangiare insieme e nascono cose belle.

In queste domeniche stiamo leggendo che la folla insegue Gesù, vuole stare con lui, Gesù per entrare in intimità con tutti dà loro da mangiare e per farlo moltiplica i pani e ne mangiano tutti. Non è solo un miracolo divino, ma un gesto così umano e così profondamente intimo che la stessa folla resta innamorata da quest’uomo che si prende cura di ciascuno.

Questa domenica vediamo che la folla continua a seguire Gesù e teme che lui la stia evitando (cfr. Gv 6,24-35): “Rabbì, quando sei venuto qua?”, come a dire: perché non ci hai detto dove andavi, perché non ci fai sapere le cose tue intime. E Gesù prontamente dice: “voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati”, cioè a dire: voi mi cercate perché avete capito che con me non morirete, con me state bene e solo io potrò darvi quello che cercate davvero.

Il brano si conclude con la preghiera della folla: “Signore, dacci sempre questo pane”. Gesù mantiene la promessa, infatti nell’ultima cena dice: questo è il mio corpo, mangiatene tutti e fate questo in memoria di me.

Il Signore ci dice che ogni volta che mangeremo il suo pane entreremo sempre più in intimità con lui e ha lasciato ai sacerdoti il potere di darci questo pane ogni domenica… anzi ogni giorno.

Spesso invece abbiamo la pretesa di sapere subito chi è Dio e come opera, credendo di aver capito in un attimo il mistero eterno. È quello che succede agli Israeliti nella prima lettura (cfr. Es 16,2-4.12-15) che usciti dall’Egitto si sentono abbandonati dal Signore e preferiscono mangiare quello che volevano loro, riempiendo il corpo e non lo Spirito, comportandosi come i pagani (cfr. Ef 4,17.20-24).

C’è bisogno di fiducia e questa cresce nel tempo e con la costanza.

Non importa se siamo peccatori, imperfetti, scanzonati… nutrendoci costantemente dell’Eucarestia ci santifichiamo, ci perfezioniamo, sapremo dare il giusto peso alle cose e alle persone.

Il Maestro insegna sempre e i discepoli imparano nella misura in cui restano alla sua scuola.

Quanto è serio il cammino i che compio con il Signore?
Mi cibo dell’Eucarestia? Lo faccio in grazia di Dio?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE


Articolo precedentedon Cristiano Marcucci – Commento al Vangelo del 1 Agosto 2021
Articolo successivoBibbia, Arte e Società – Commento al Vangelo di domenica 1 Agosto 2021