Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 30 Maggio 2020

196

Che cosa sarà di noi? Che cosa sarà degli altri? Pietro vorrebbe sapere qualcosa di più sul suo destino e su quello dei suoi amici, Giovanni in particolare. Ma non gli è concesso. Non ci è concesso. Come i primi discepoli molti anni, prima anche per lui e per noi la sequela di Cristo è una scommessa.

Siamo invitati ad andare a vedere, a dimorare, a restare qualunque cosa succeda. Quanto vorremmo avere delle certezze! Quanto vorremmo, proprio perché cristiani, avere qualcosa in più! Ma non è così: proprio perché cristiani ci è chiesto di più, quell’abbandono filiale che tanto fatichiamo ad avere e che, pure, tanto ci costruisce e ci rende liberi.

Diventando veramente discepoli anche noi possiamo scrivere tanti Vangeli quante sono le nostre storie e le nostre vite. È così: milioni di uomini e donne che prima di noi hanno creduto lo testimoniano. Fidarsi veramente di Dio, affidargli la nostra vita e le nostre scelte, ci conduce a fare esperienza di Vangelo, a diventare noi stessi buona notizia per gli altri.

Alla vigilia della splendida festa di Pentecoste sediamoci e meditiamo su quanto il Signore costruisce in noi…

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO