Mons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 25 Maggio 2021

84

Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito

MARTEDÌ 25 MAGGIO (Mc 10,28-31)

Abramo, nostro padre nella fede, è esempio universale, per ogni discepolo di Gesù. Lui veramente ha lasciato tutto per obbedienza al suo Dio e Signore: “Il Signore disse ad Abram: «Vattene dalla tua terra, dalla tua parentela e dalla casa di tuo padre, verso la terra che io ti indicherò. Farò di te una grande nazione e ti benedirò, renderò grande il tuo nome e possa tu essere una benedizione. Benedirò coloro che ti benediranno e coloro che ti malediranno maledirò, e in te si diranno benedette tutte le famiglie della terra». Allora Abram partì, come gli aveva ordinato il Signore” (Gen 12,1-4).

Dopo queste cose, Dio mise alla prova Abramo e gli disse: «Abramo!». Rispose: «Eccomi!». Riprese: «Prendi tuo figlio, il tuo unigenito che ami, Isacco, va’ nel territorio di Mòria e offrilo in olocausto su di un monte che io ti indicherò».  Abramo si alzò di buon mattino, sellò l’asino, prese con sé due servi e il figlio Isacco, spaccò la legna per l’olocausto e si mise in viaggio verso il luogo che Dio gli aveva indicato. Il terzo giorno Abramo alzò gli occhi e da lontano vide quel luogo. Allora Abramo disse ai suoi servi: «Fermatevi qui con l’asino; io e il ragazzo andremo fin lassù, ci prostreremo e poi ritorneremo da voi». Abramo prese la legna dell’olocausto e la caricò sul figlio Isacco, prese in mano il fuoco e il coltello, poi proseguirono tutti e due insieme. Isacco si rivolse al padre Abramo e disse: «Padre mio!». Rispose: «Eccomi, figlio mio». Riprese: «Ecco qui il fuoco e la legna, ma dov’è l’agnello per l’olocausto?». Abramo rispose: «Dio stesso si provvederà l’agnello per l’olocausto, figlio mio!». Proseguirono tutti e due insieme.  Così arrivarono al luogo che Dio gli aveva indicato; qui Abramo costruì l’altare, collocò la legna, legò suo figlio Isacco e lo depose sull’altare, sopra la legna. Poi Abramo stese la mano e prese il coltello per immolare suo figlio.

Ma l’angelo del Signore lo chiamò dal cielo e gli disse: «Abramo, Abramo!». Rispose: «Eccomi!». L’angelo disse: «Non stendere la mano contro il ragazzo e non fargli niente! Ora so che tu temi Dio e non mi hai rifiutato tuo figlio, il tuo unigenito». Allora Abramo alzò gli occhi e vide un ariete, impigliato con le corna in un cespuglio. Abramo andò a prendere l’ariete e lo offrì in olocausto invece del figlio. Abramo chiamò quel luogo «Il Signore vede»; perciò oggi si dice: «Sul monte il Signore si fa vedere».  L’angelo del Signore chiamò dal cielo Abramo per la seconda volta e disse: «Giuro per me stesso, oracolo del Signore: perché tu hai fatto questo e non hai risparmiato tuo figlio, il tuo unigenito, io ti colmerò di benedizioni e renderò molto numerosa la tua discendenza, come le stelle del cielo e come la sabbia che è sul lido del mare; la tua discendenza si impadronirà delle città dei nemici. Si diranno benedette nella tua discendenza tutte le nazioni della terra, perché tu hai obbedito alla mia voce» (Gen 22,1-18). Con l’offerta del figlio, Dio è per Abramo il suo passato, il suo presente, il suo futuro. Solo Dio e Dio solo è la vita di Abramo. È come se la storia scomparisse.

In quel tempo, Pietro prese a dire a Gesù: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». Gesù gli rispose: «In verità io vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per causa mia e per causa del Vangelo, che non riceva già ora, in questo tempo, cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà. Molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi saranno primi».

Chi vuole camminare dietro Cristo, deve scegliere solo Cristo. Cristo dovrà essere il suo passato, il suo presente, il suo futuro. Si sceglie Cristo, se il discepolo ogni giorno si spoglia di ogni suo pensiero, volontà, desiderio, aspirazione. Tutto deve fare per Cristo in vista di Cristo. Se Cristo è il fine della sua vita, ogni altra cosa è solo mezzo. Se è mezzo può essere sempre abbandonato. Questa libertà del cuore e della mente chiede Gesù ai suoi discepoli. Gesù vive per il Padre in vista del Padre. Al Padre offre anche il suo corpo, la sua anima, il suo spirito, la sua volontà. Nulla Gesù trattiene per sé, perché la sua vita è il Padre. Lascia tutto chi vive in un vuoto cosmico. Tutto esiste, ma è come se nulla esistesse, perché il discepolo di Gesù è solo del suo Maestro.

Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fate che il discepolo sia tutto del suo Signore.

Fonte@MonsDiBruno

Nota: Questo commento al Vangelo è gratuito pertanto l’autore non autorizza un fine diverso dalla gratuità.

Articolo precedenteCommento al Vengelo del 25 Maggio 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 25 Maggio 2021