Mons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 17 Gennaio 2020

413

Il commento alle letture del 17 gennaio 2020 a cura di  Mons. Costantino Di Bruno, Sacerdote Diocesano dell’Arcidiocesi di Catanzaro–Squillace (CZ).

Figlio, ti sono perdonati i peccati

VENERDÌ 17 GENNAIO (Mc 2,1-12)

Gesù è più grande di Abramo. Questi prega perché il peccato sia perdonato: “Siccome Abramo aveva detto della moglie Sara: «È mia sorella», Abimèlec, re di Gerar, mandò a prendere Sara. Ma Dio venne da Abimèlec di notte, in sogno, e gli disse: «Ecco, stai per morire a causa della donna che tu hai preso; lei appartiene a suo marito». Abimèlec, che non si era ancora accostato a lei, disse: «Mio Signore, vuoi far morire una nazione, anche se giusta? Non è stato forse lui a dirmi: “È mia sorella”? E anche lei ha detto: “È mio fratello”. Con cuore retto e mani innocenti mi sono comportato in questo modo». Gli rispose Dio nel sogno: «So bene che hai agito così con cuore retto e ti ho anche impedito di peccare contro di me: perciò non ho permesso che tu la toccassi. Ora restituisci la donna di quest’uomo, perché è un profeta: pregherà per te e tu vivrai. Ma se tu non la restituisci, sappi che meriterai la morte con tutti i tuoi». Abramo pregò Dio e Dio guarì Abimèlec, sua moglie e le sue serve, sì che poterono ancora aver figli. Il Signore, infatti, aveva reso sterili tutte le donne della casa di Abimèlec, per il fatto di Sara, moglie di Abramo” (Cfr. Gen 20,1-18). Gesù prega dalla da Crocifisso chiedendo perdono per quanti lo avevano condannato e messo in Croce.

Gesù è più grande di Mosè. Questi prega per il perdono. Gesù espia il peccato del mondo, togliendolo per redenzione: “Mosè allora supplicò il Signore, suo Dio, e disse: «Perché, Signore, si accenderà la tua ira contro il tuo popolo, che hai fatto uscire dalla terra d’Egitto con grande forza e con mano potente? Perché dovranno dire gli Egiziani: “Con malizia li ha fatti uscire, per farli perire tra le montagne e farli sparire dalla terra”? Desisti dall’ardore della tua ira e abbandona il proposito di fare del male al tuo popolo. Ricòrdati di Abramo, di Isacco, di Israele, tuoi servi, ai quali hai giurato per te stesso e hai detto: “Renderò la vostra posterità numerosa come le stelle del cielo, e tutta questa terra, di cui ho parlato, la darò ai tuoi discendenti e la possederanno per sempre”». Il Signore si pentì del male che aveva minacciato di fare al suo popolo (Es 32,11-14). Mosè si mette dalla parte del popolo. Gesù si carica sulle spalle i peccati del popolo per ottenere dal Padre il perdono delle colpe e per espiare le pene ad esse dovute.

Gesù è più grande dei profeti: Natan annunzia a Davide che il peccato è rimosso. Gesù dona Lui personalmente il perdono dei peccati: “Allora Davide disse a Natan: «Ho peccato contro il Signore!». Natan rispose a Davide: «Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Tuttavia, poiché con quest’azione tu hai insultato il Signore, il figlio che ti è nato dovrà morire»” (2Sam 12,13-14). Gesù è infinitamente oltre Abramo, oltre Mosè, oltre tutti i profeti dell’Antico Testamento.

Gesù entrò di nuovo a Cafàrnao, dopo alcuni giorni. Si seppe che era in casa e si radunarono tante persone che non vi era più posto neanche davanti alla porta; ed egli annunciava loro la Parola. Si recarono da lui portando un paralitico, sorretto da quattro persone. Non potendo però portarglielo innanzi, a causa della folla, scoperchiarono il tetto nel punto dove egli si trovava e, fatta un’apertura, calarono la barella su cui era adagiato il paralitico. Gesù, vedendo la loro fede, disse al paralitico: «Figlio, ti sono perdonati i peccati». Erano seduti là alcuni scribi e pensavano in cuor loro: «Perché costui parla così? Bestemmia! Chi può perdonare i peccati, se non Dio solo?». E subito Gesù, conoscendo nel suo spirito che così pensavano tra sé, disse loro: «Perché pensate queste cose nel vostro cuore? Che cosa è più facile: dire al paralitico “Ti sono perdonati i peccati”, oppure dire “Àlzati, prendi la tua barella e cammina”? Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere di perdonare i peccati sulla terra, dico a te – disse al paralitico –: àlzati, prendi la tua barella e va’ a casa tua». Quello si alzò e subito prese la sua barella, sotto gli occhi di tutti se ne andò, e tutti si meravigliarono e lodavano Dio, dicendo: «Non abbiamo mai visto nulla di simile!».

Gesù per i peccatori chiede perdono, ad essi annunzia la conversione e sempre dona il perdono, se sono nella volontà di ritornare a Dio. Lui è venuto per riscattare i peccatori dalla loro prigionia e schiavitù di morte eterna. Il peccato invece lo redime e lo espia, offrendo il suo corpo in olocausto e in sacrificio. In più da Lui, per il suo Santo Spirito, risana, guarisce, ricrea, rigenera. Gesù è oltre, divinamente e infinitamente oltre.

Madre di Dio, Angeli, Santi, fate che comprendiamo l’altissimo mistero di Gesù.

Fonte@MonsDiBruno