don Valentino Porcile – Commento al Vangelo del giorno, 23 Dicembre 2019

498

“VEGLIATE“

IMPEGNO PER OGGI

Vegliare significa avere fiducia in Dio, totalmente abbandonarsi in Lui, come Maria che dice il suo Si all’Angelo. Come Giuseppe, che prende con sé la sua sposa perché si abbandona ad un Progetto più grande.

PREGHIERA

Oggi Signore Gesù voglio pensare a chi si trova in una situazione difficile. Mi impegnerò a pregare perché la fede in Te Signore possa essere roccia sicura a cui ancorarsi.
Signore Gesù, voglio credere in Te, nel Tuo Amore che dona la Vita.

Fonte: Facebook


Nascita di Giovanni Battista.
Dal Vangelo secondo Luca Lc 1, 57-66 In quei giorni, per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei. Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccarìa. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». Le dissero: «Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome». Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. All’istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio. Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui. Parola del Signore