don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 26 Novembre 2020 – Lc 21, 20-28

258

Il Vangelo di oggi sembra dar voce alla paura più profonda che si trova nel cuore di ogni uomo. Gerusalemme rappresenta ciò che conta di più nella vita. Ognuno di noi ha la sua Gerusalemme, e sarebbe interessante scoprire qual è il suo vero nome proprio rispetto alla nostra vita. fatto questo ci accorgeremo che la paura più grande è perdere ciò a cui teniamo di più.

“Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina. (…)Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria. Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina”. Nel bel mezzo della paura un cristiano lo si riconosce quando prende sul serio la Parola di Gesù del Vangelo di oggi: “risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina”.

La paura invece ci spinge ad abbassare il capo, a rinchiuderci, a raggomitolarci. Dobbiamo invece decidere di alzare lo sguardo, di metterci in piedi e di affrontare le cose che ci sono davanti, fosse anche la fine del mondo, o di un “mondo” che ci siamo costruiti da soli o c’hanno costruito intorno.

E la forza di questo gesto di coraggio ci viene da Gesù stesso, che proprio nel bel mezzo di ciò che ci spaventa si fa spazio e ci viene incontro. Ma se crediamo di più alla paura e al dolore allora non avremo occhi per riconoscerlo. O si crede in Lui o si crede solo a ciò che si prova, che equivale a guardarsi i piedi.

E uno che si guarda i piedi invece di guardare avanti rischia di sbattere e di farsi male. Non possiamo non provare paura, ma possiamo però disobbedirle, smettere di farla decidere al posto nostro. Questo è il cristiano: uno che ha paura ma che si sforza di non farla comandare. Solo in questo modo toglieremo alla paura la possibilità di rovinarci il presente e di guastare la vita. infatti delle volte non riusciamo a vivere fino in fondo le cose perché abbiamo sempre paura che prima o poi finiscano.

Ci fasciamo la testa prima di sbatterla.


AUTORE: don Luigi Maria Epicoco
PAGINA FACEBOOK
FONTE: Amen – La Parola che salva – ABBONATI A 12 MESI (12 NUMERI) A 34,90€