Commento alle letture del 20 Novembre 2018 – Mons. Costantino Di Bruno

76

Il commento alle letture del 20 Novembre 2018 a cura di  Mons. Costantino Di Bruno, Sacerdote Diocesano dell’Arcidiocesi di Catanzaro–Squillace (CZ).

A CERCARE E A SALVARE CIÒ CHE ERA PERDUTO

Ap 3,1-6 .14-2 2; Sal 14; Lc 19,1-10

Cercare chi è perduto è proprio della misericordia del Signore. Dopo aver manifestato tutta l’onnipotenza della sua forza creatrice, subito il Signore rivela l’onnipotenza della sua forza di misericordia, pietà, perdono, promessa di salvezza. La storia dell’umanità è segnata essenzialmente dalla compassione e misericordia di Dio. Senza l’opera della divina misericordia, niente avrebbe senso. Saremo tutti condannati alla morte eterna.

Il Signore Dio chiamò l’uomo e gli disse: «Dove sei?». Rispose: «Ho udito la tua voce nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Riprese: «Chi ti ha fatto sapere che sei nudo? Hai forse mangiato dell’albero di cui ti avevo comandato di non mangiare?». Rispose l’uomo: «La donna che tu mi hai posto accanto mi ha dato dell’albero e io ne ho mangiato». Il Signore Dio disse alla donna: «Che hai fatto?». Rispose la donna: «Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato». Allora il Signore Dio disse al serpente: «Poiché hai fatto questo, maledetto tu fra tutto il bestiame e fra tutti gli animali selvatici! Sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita. Io porrò inimicizia fra te e la donna, fra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno» (Gen 3,8-15).

Nella storia d’Israele Dio è sempre Colui che cerca il peccatore per invitarlo a conversione, nel pentimento e nella richiesta accorata di perdono. Davide è esempio.

Il Signore mandò il profeta Natan a Davide, e Natan andò da lui e gli disse: «Due uomini erano nella stessa città, uno ricco e l’altro povero. Il ricco aveva bestiame minuto e grosso in gran numero, mentre il povero non aveva nulla, se non una sola pecorella piccina, che egli aveva comprato. Essa era vissuta e cresciuta insieme con lui e con i figli, mangiando del suo pane, bevendo alla sua coppa e dormendo sul suo seno. Era per lui come una figlia. Un viandante arrivò dall’uomo ricco e questi, evitando di prendere dal suo bestiame minuto e grosso quanto era da servire al viaggiatore che era venuto da lui, prese la pecorella di quell’uomo povero e la servì all’uomo che era venuto da lui». Davide si adirò contro quell’uomo e disse a Natan: «Per la vita del Signore, chi ha fatto questo è degno di morte. Pagherà quattro volte il valore della pecora, per aver fatto una tal cosa e non averla evitata». Allora Natan disse a Davide: «Tu sei quell’uomo! Perché hai disprezzato la parola del Signore, facendo ciò che è male ai suoi occhi? Tu hai colpito di spada Uria l’Ittita, hai preso in moglie la moglie sua e lo hai ucciso con la spada degli Ammoniti». Allora Davide disse a Natan: «Ho peccato contro il Signore!». Natan rispose a Davide: «Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Tuttavia, poiché con quest’azione tu hai insultato il Signore, il figlio che ti è nato dovrà morire». (2Sam 12,1-14).

Gesù è mandato dal Padre per vivere nella carne questo mistero. Lui deve cercare ciò che è perduto e mettere nel suo cuore la verità del perdono e della misericordia di Dio. Lui deve chiamare ogni uomo a conversione, aprendo a tutti le porte perché possano accedere al Padre e ottenere da Lui ogni compassione nel perdono dei peccati.

Entrò nella città di Gerico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zaccheo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!». Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto». Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».

Di certo non è né figlio di Dio, né discepolo di Gesù chi non cerca i peccatori per annunziare loro che il loro peccato è già perdonato dal loro Dio. Essi devono solo chiedere il perdono nella vera conversione e nel pentimento. È loro obbligo.

Vergine Fedele, Angeli, Santi, fate che anche noi chiamiamo i peccatori a penitenza.

Articolo precedenteContemplare il Vangelo di oggi – 20 Novembre 2018 – Lc 19, 1-10
Articolo successivoCommento alle letture di domenica 25 Novembre 2018 – Missionari della Via