Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 25 Maggio 2023

324

Ha pregato per me, il Signore, quella sera al Getsemani. Nella notte in cui Dio ha salvato il mondo, in cui il Maestro si è abbandonato, si è consegnato alla furia omicida dell’uomo che non riesce a sopportare tanto amore, ha pensato anche a me. E a te. A noi che abbiamo creduto nella Parola che ci è stata annunciata, a noi che abbiamo creduto e amato, perché amati.

Dopo avere pregato per i suoi discepoli presenti, ancora ignari mentre la tempesta che li avrebbe travolti stava arrivando, ha pregato per quelli che, grazie ai discepoli presenti, avrebbero creduto. A noi due, amico lettore, che siamo stati raggiunti da quell’annuncio, da bocca a orecchio. E mi emoziona fino alle lacrime il fatto che Gesù, nel momento più intenso e drammatico della sua vita, abbia chiesto per noi di scoprire l’unione che lo unisce al Padre, di farne parte.

Questo ha chiesto il Maestro per me e per te: di fare un’esperienza così forte e totalizzante di Dio da diventare in lui un’unica cosa, un’unica vita, un unico amore. E di questa unità siamo chiamati a diventare profezia, testimoni, cantori. In un mondo disunito, ostile, rabbioso, in cui l’altro è un avversario, qualcuno da temere, il Signore ci chiede di essere segni di unità nella diversità. Non omologati, non fotocopie, non beoti che seguono indicazioni univoche, ma accomunati dalla nostra unicità.

Come tante tessere di un mosaico che si sta disegnando, vivendo dell’amore con cui il Padre ha amato il Cristo e che ci coinvolge. Diversi, certo, splendidamente unici, come capolavori e opere d’arte. Ma tutti facenti parte di una stessa esperienza, tutti attratti da Cristo. Il Maestro ha pregato per me, in quella notte, affinché io possa fare esperienza dell’appartenere all’umanità salvata e redenta dalla sua croce, dono d’amore.

Non so cosa ne pensi, amico lettore, ma sapere di essere stato presente nella preghiera del Getsemani mi fa venire una voglia matta di vivere, oggi.

✝️ Commento al brano del Vangelo di: ✝ Gv 17,20-26

Il blog di Paolo | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO