Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 25 Maggio 2023

252

Gesù pensa a ciascuno di noi e desidera la nostra salvezza da sempre. Questo si evince chiaramente quando dice:«Non prego solo per questi, ma anche per quelli che crederanno in me mediante la loro parola». Il nostro nome e inscritto nel cuore di Dio, che ci ha amato prima della creazione del mondo, proprio come ha fatto con Gesù.

Questa identità, questa appartenenza è la nostra forza. Viviamo in un mondo che, un po come al tempo di Gesù, fa fatica a riconoscere la sua voce. Anche noi che abbiamo incontrato Gesù, che abbiamo accolto il suo annunciò possiamo sentirci assorbiti dai discorsi, modi di pensare e di vivere che ci circondano e talvolta possono allontanarci dalla Verità.

Il Vangelo di oggi ci ricorda chi siamo, chi è nostro Padre, la nostra appartenenza ma cosa più importante, ci ricorda che siamo amati. Quando amiamo e siamo amati non ci manca nulla. Non sentiamo più la necessità di sentirci appagati nell’ assecondare le aspettative di questo mondo, non cerchiamo effimere gratificazione. Lasciamo che sia l’amore, dato e ricevuto, a dare un senso a tutto.

- Pubblicità -

✝️ Commento al brano del Vangelo di: ✝ Gv 17,20-26

Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale!