Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 7 Maggio 2023

274

All’inizio del brano Gesù esorta i discepoli a non avere paura, a superare il timore con una esperienza di affidamento. Gesù spiega che la sua partenza è necessaria per prepararci una strada, per renderla possibile. Il suo andare è necessario affinché noi possiamo seguirlo.

Tommaso con la sua domanda («Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo conoscere la via?») esprime una esigenza di concretezza comprensibile, che è anche la nostra. Tuttavia nelle sue parole possiamo riconoscere di nuovo la dinamica della paura. È a questa mancanza di fede/fiducia che Gesù risponde, proponendosi come la Via, la Verità, e la Vita. Esorta Tommaso, i discepoli ed anche noi a stare tranquilli perché c’è Lui: qualcosa di più di una direzione, di una strada, di una spiegazione teorica. Non ci sono altre strade se non quella della fiducia.

Prefigurando la sua partenza, Gesù ci mette di fronte al dramma dell’abbandono per guarirci. La sua assenza lascia spazio all’incontro, nella libertà, con Lui e con il Padre. Il suo amore per noi lo porta a fare un passo indietro, per farci fare un passo in avanti nella dimensione dell’affidamento.

- Pubblicità -

Gesù completa il suo discorso aggiungendo che è Lui la strada per arrivare al Padre. È una affermazione molto radicale, la cui accettazione rappresenta un punto di snodo per la nostra fede. Dirci cristiani vuol dire affermare che solo credendo in Gesù possiamo arrivare al Padre. Questo non esclude che ci siano altre vie per arrivare al Figlio. Troviamo, infatti, sparsi ovunque semi di bellezza, di verità, di giustizia che ci portano all’amore di Cristo; infinite sono le strade che ci portano a percorrere la sua strada.

Anche noi cadiamo nella tentazione di dire, con Filippo: “Mostraci il Padre e ci basta”. Nella sua risposta Gesù ci mette di fronte alla nostra cecità: pensiamo di poter credere in Dio solo se possiamo vederlo, senza intermediari. Gesù ci invita ancora una volta, senza se e senza ma, a trovare Dio in Lui, nella Sua Parola, nel volto dei fratelli.

Per riflettere

Di che cosa hai paura? Chi o che cosa ti aiuta ad avere fiducia? Quali strade ti portano a Gesù?

FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi