Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 16 Maggio 2023

213

Le vie del Signore non sono le nostre vie. Ci viene sempre chiesto di affidarci, di provare ad andare oltre le nostre reazioni umane, di scoramento e di incomprensione, di impazienza e di paura. Dio ha in mente un percorso che è per noi meglio di qualsiasi altro possiamo immaginare o volere.

Questo non limita la nostra libertà, anzi la chiama in gioco. Libertà di scegliere qualcosa che umanamente non sembra aver senso, libertà di mettersi in cammino su una Parola che è vita anche quando sembra non assicurare niente. E Gesù, che sa di dover andare, non ci lascia mai soli. Ci consegna il Paràclito, che è forza nel cammino e speranza nella fatica. Coraggio, non temere!

Sarà lo Spirito stesso a guidarci nel comprendere gli avvenimenti incredibili che troveremo sulla nostra strada. Niente e nessuno può separarci da Dio, né la giustizia né l’ingiustizia umana. Ogni momento è propizio per scegliere Gesù e il suo insegnamento, quantomeno nel nostro cuore. Alleniamoci a sentire la sua presenza, affidiamoci alla sua Provvidenza, gioiamo quando sentiamo il suo sostegno. Siamo figli e figlie amate, è questa la nostra salvezza certa.

- Pubblicità -

Per riflettere

Preghiamo perché il Signore rafforzi il nostro cuore e ci orienti verso la sua via. A volte ogni curva sembra un pericolo, una deviazione dal percorso coerente. E se fosse invece un’opportunità? Restiamo curiosi di scoprire la strada che Dio apre nei nostri deserti ogni giorno.

✝️ Commento al brano del Vangelo di: ✝ Gv 16,5-11

FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi