Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 21 Gennaio 2021

96

Continua il vangelo di Marco il quale ci fa ancora vedere Gesù, il figlio di Dio nella sua potente azione di guarigione, di liberazione.  La pagina in questione ci fa riflettere oggi sul senso della ricerca che noi abbiamo del Signore. La ricerca di queste folle è saziare il loro bisogno di guarigione e venivano da ogni dove, c’è una folla immensa che segue Gesù. Ed è interessante vedere che Gesù si allontana da questa folla non si lascia accerchiare  come fanno di solito i seduttore… 

Gesù non è un seduttore! Per questo si allontana dalla folla, prende le distanze su una piccola barca che lo protegge. Cioè Gesù prende le distanze da chi lo vuole strumentalizzare anche a nome della propria fede, della propria religione… E si allontana. A Gesù bisogna andare per amore e quando si va per amore anche il bisogno di essere guariti o liberati viene purificato e il Signore interviene liberamente in quel bisogno. I demoni  riconoscono sempre è immediatamente il figlio di Dio come questa pagina ci dimostra, e strumentalizzano anche loro il bisogno delle folle proprio per questo Gesù intima loro di non rivelare la sua identità perché l’identità di Gesù va scoperta, va assimilata consapevolmente.

Non si va a Gesù come se fosse un mago uno che risolve in un attimo i nostri problemi, un distributore di miracoli… di grazie, di benedizioni low cost…  last minute.  La salvezza e la guarigione ci vengono da un rapporto d’amore con Gesù, un rapporto di assimilazione, di appartenenza, di obbedienza e lo spirito del male che è l’antagonista di Gesù, fa di tutto per farci rimanere in questa sorta di magia religiosa che non è il cristianesimo, che non è il Vangelo. Oggi mi interrogo su quali sono le motivazioni profonde che mi spingono a seguire Gesù. Qual è la guarigione profonda di cui ho bisogno? Forse quella di riconoscere Gesù come mio unico Salvatore, come mia unica ricchezza, come mio unico amore? La guarigione di sapermi veramente figlio amato dal Padre in Gesù?

La guarigione da un’idea magica della mia fede? Oggi prendo anche io le distanze da me stesso salendo sulla barca di questa Parola e mi osservo, considero, rileggo la mia storia alla luce della presenza del Figlio di Dio nella mia vita. E lì mi lascio evangelizzare da Gesù, che sa tutto di me conoscendomi nei miei bisogni più profondi.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 21 Gennaio 2021
Articolo successivodon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 21 Gennaio 2021