Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 16 Aprile 2021 – Gv 6, 1-15

99

È l’unico miracolo raccontato da tutti gli evangelisti, per sei volte. Un evento essenziale alla comprensione del mistero di Dio. In Giovanni è Gesù ad accorgersi della folla e chiama Filippo.

La sua richiesta è semplice: da dove potremo comprare il pane? Filippo, che è di Betsaida, nei pressi del luogo del miracolo, argomenta: impossibile. Nemmeno un stipendio di un anno, duecento denari, sarebbe sufficiente. Non è così, esagera, amplifica il problema. Gesù non ha chiesto come? Ma da dove?

È un adolescente che offre la soluzione, donando la propria povera porzione di cibo. Davanti alle difficoltà del mondo affamato, di pane, di giustizia, di amore, di pace, l’unico che ha trovato una soluzione è un ragazzo. Non chiederti come sia possibile sfamare la folla, chiediti se sei disposto a mettere in gioco quel poco che hai e che sei senza accampare scuse. Il resto lo farà Dio.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteAngèle Bilegue – Commento al Vangelo del 18 Aprile 2021
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 16 Aprile 2021