p. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 23 Aprile 2022

59

- Pubblicità -

Ma “non credettero”. Questa, e non altra, è la reazione degli undici all’annuncio della risurrezione. Annuncio di donne che vanno al sepolcro; annuncio di una ex indemoniata; annuncio di due che se ne andavano da Gerusalemme verso la campagna.

Comunque sia l’atteggiamento degli Undici, l’atteggiamento degli Apostoli, l’atteggiamento di vescovi e cardinali e preti non cambia: non ci credono.

- Pubblicità -

Non ci crediamo che il Signore è risorto. Per questo ci perdiamo nei nostri intrallazzi, per questo abbiamo bisogno di gestire noi la nostra esistenza, per questo continuiamo a ricercare sicurezze economiche e di potere, appoggi politici che nulla hanno a che fare con la fede nel Risorto.

Non crediamo che sia risorto, per questo ci perdiamo a tentare di maneggiare la vita, anziché perderci a goderla e a viverla. Troppo tempo della mia vita è donato a cose che sono inutili ad una vita vissuta. Lo so che i benpensanti, di cui faccio parte, mi dicono ogni giorno che i soldi sono importanti e sono una cosa seria. Lo so che i cristiani benpensanti, protetti dal diritto canonico e approvati dalla chiesa in istituti religiosi, dei quali faccio parte, mi dicono che le strutture e le proprietà vanno ben gestite. Lo so che ricevo grandi elogi quando faccio fruttificare i luoghi in cui viviamo e che ci sono stati consegnati come un dono avvelenato dai nostri padri, mentre se dono –sperpero sarebbe meglio dire, così direi io benpensante – questi beni ai poveri che da sempre sono le nostre vere e uniche banche – vedi i padri della chiesa – allora sono un visionario, uno che non ha i piedi per terra, uno che sperpera le sostanze della chiesa.

Non ci crediamo che sia risorto, per questo siamo arrivati alla pazzia dell’anticristo. Siamo immersi in un modo di essere e di vivere che non dice più nulla a questo mondo, perché è uguale a questo mondo. Cosa abbiamo da dare a questo mondo? La messa alla domenica e un po’ di catechesi in preparazione a quei sacramenti che anziché essere iniziazione alla fede, diventano i sacramenti dell’addio? Siamo così ciechi che ci accontentiamo di avere intorno un piccolo codazzo che garantisca la gestione delle strutture e sovrastrutture, non ricercando più un rapporto di fede e una comunicazione della fede?

“Non ci credettero”: non ci crediamo che Lui è risorto. Anche il vangelo fa fatica a concludere decentemente la sua storia su Gesù. Si interrompe bruscamente, prova ad aggiungere qualcosa il nostro evangelista Marco, ma forse il risultato è quello di peggiorare la situazione.

- Pubblicità -

Una situazione dove il Signore appare ai suoi discepoli, agli Undici, e li rimprovera perché non hanno creduto all’annuncio delle donne e all’annuncio di due laici. Oggi appare a noi sua chiesa e ci rimprovera perché non crediamo all’annuncio di chi lo ha visto e lo crede risorto. Al di là dei ruoli sclerotizzati, e non c’entra il sacramento dell’ordine ma gli ordinati, non crediamo che una donna o un laico possa credere a quel Risorto a cui noi non crediamo più. Diciamo che non sono pronti, i laici. E noi? Pensiamo di esserlo perché abbiamo letto qualche libro di teologia? Siamo arrivati alla pazzia, non della fede, ma del buon senso.

Gesù appare oggi in mezzo a noi e ci rimprovera per la nostra incredulità e durezza di cuore. Perché è questo che siamo ed è questo che siamo diventati. Baracconi da museo, gestori di musei. Belli, certamente, ma pietre di sasso e non più pietre vive.

Ma ciò che strabilia di più è che il Risorto, dopo averci rimproverati, non ci ripugna, non ci ostracizza.

Il Risorto, dopo averci ricordato la nostra durezza di cuore e la nostra incredulità, ci dice: “Andate in tutto il mondo e proclamate il vangelo ad ogni creatura”. Questa è la follia del vangelo, questa è la saggezza del Risorto. Non segue le categorie umane ma le stravolge e di fronte agli Undici, a noi increduli e duri di cuore dà una consegna: andate e annunciate a tutti il vangelo, la buona novella, il fatto che il Signore è risorto.

Più follia della croce di così, più follia da risorti di così. A noi increduli e duri di cuore il Signore si consegna di nuovo e a noi affida la testimonianza e l’annuncio del vangelo senza confini, senza restrizioni, senza interdizioni.

A noi increduli: mah, è un bel mistero anche questo, eh?! Un bel mistero da risorti!!!


AUTORE: p. Giovanni Nicoli FONTE SITO WEB CANALE YOUTUBE FACEBOOKINSTAGRAM

Articolo precedentedon Marco – Commento al Vangelo del 23 Aprile 2022
Articolo successivodon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 23 Aprile 2022