la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 4 Marzo 2022

109

- Pubblicità -

Ci colpisce il mistero di questa assenza di Gesù, in attesa della Sua presenza. Gesù fa riferimento alla Sua passione e morte ma anche alla storia di tutti noi cristiani: abbiamo conosciuto il Suo volto, sappiamo di essere pienamente inseriti in Lui ma ancora non è possibile il nostro abbraccio, il nostro stare definitivamente con Lui. È il tempo del digiuno, il tempo nel quale ci è dato di incontrare Gesù crocifisso.

Eppure Gesù chiama i suoi discepoli “invitati a nozze”. Il cristianesimo quindi non è una religione della croce ma l’annuncio di quell’amore fedele di Dio che riempie di gioia la vita perché è capace di vincere anche la morte.

fra Simone

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


- Pubblicità -

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 3 Marzo 2022
Articolo successivodon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 4 Marzo 2022