la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 2 Maggio 2022

70

- Pubblicità -

L’evangelista Giovanni sottolinea due volte che la folla “vede”: dapprima si accorge che “c’era soltanto una barca”; e poco dopo comprende che “Gesù non era più là”. In entrambi i casi troviamo il verbo “vedere”.

Quando poi la folla incontra Gesù riceve da lui un bel rimprovero: “voi mi cercate non perché avete visto dei segni”. Hanno visto ma non hanno compreso! Si sono fermati alla materialità del gesto. È una folla che vede solo quello che interessa. Si ferma alla sazietà materiale e non sa andare oltre.

Oggi impariamo che lo sguardo è la misura del cuore. Ciò che vedi è ciò che hai nel cuore: se non riesci ad allargare il cuore, prova allora ad allargare lo sguardo!

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


- Pubblicità -

Articolo precedenteFabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 2 Maggio 2022
Articolo successivoTutorial WeCa – La dignità umana nelle frontiere delle tecnologie digitali