Il Vangelo del giorno, 7 Giugno 2019 – Gv 21, 15-19

175

Il commento al Vengelo del giorno
7 Giugno 2019
su Gv 21, 15-19

VII Settimana del Tempo di Pasqua
Anno III/C

Colore liturgico: BIANCO

  • Periodo: Venerdì
  • Il Santo di oggi:
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Il Signore ha posto il suo trono nei cieli.
  • Letture del giorno: At 25, 13-21; Sal.102; Gv 21, 15-19
  • Calendario Liturgico di Giugno

Gv 21, 15-19
Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, [quando si fu manifestato ai discepoli ed] essi ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci i miei agnelli».
Gli disse di nuovo, per la seconda volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pascola le mie pecore».
Gli disse per la terza volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse “Mi vuoi bene?”, e gli disse: «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecore. In verità, in verità io ti dico: quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi».
Questo disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E, detto questo, aggiunse: «Seguimi».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews:

Commento al Vangelo a cura dei
Monaci Benedettini

Il primato dell’amore.

Il Vangelo ci narra del riscatto e della riabilitazione di Pietro. Alla triplice negazione l’apostolo, su esplicita richiesta del Signore, – “mi ami tu più di costoro?” – fa seguire una triplice ed umile affermazione di fede e di amore. Gesù aveva detto che chi vuole essere il primo deve essere l’ultimo di tutti e il servo di tutti.

Lui stesso si era prostrato, come l’infimo dei servitori, a lavare loro i piedi. Ora è la volta del principe degli apostoli; tocca a lui sperimentare l’umiltà e dichiarare senza esitazioni il suo amore la sua fedeltà al Maestro. “Tu sai che ti amo”, afferma Pietro.

“Pasci le mie pecore”, ribadisce il Signore. E’ così che è riaffermato e conferito in pienezza a Pietro e ai suoi successori, il primato nella Chiesa. E’ così che quel dono, senza perdere il suo aspetto giuridico, si adorna delle doti migliori, quelle della incondizionata fedeltà e dell’amore profondo a Cristo.

E’ su questa scia che si sta muovendo l’attuale Pontefice, il successore di Pietro. Questa è la via che potrà fare della Chiesa un solo ovile sotto un solo pastore nella perfetta unità, per cui lo stesso Gesù ha pregato.

Articolo precedenteCommento alle letture di domenica 9 Giugno 2019 per bambini – ElleDiCi
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo di oggi, 7 Giugno 2019 – Gv 21, 15-19