Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 16 Novembre 2021

49

“Oggi devo fermarmi a casa tua” è ciò che il Signore, ogni giorno, quotidianamente, dice a ciascuno di noi, sono parole così familiari, così accoglienti, tenere.

Queste parole sono rivolte a quel Zaccheo di bassa statura corporale e forse anche spirituale; a quel Zaccheo un po’ infantile che corre e sale su un albero; a quel Zaccheo imbarazzato a cui il Signore, accerchiato dalla folla, rivolge lo sguardo e la parola; a quel Zaccheo che si lascia trasformare dall’incontro con Gesù e non si accontenta di ridare ciò che ha preso, ma restituisce quattro volte tanto.

Quel Zaccheo siamo anche noi, quando riconosciamo tutto ciò che ci viene donato e siamo capaci di donare fino a quattro volte tanto, consapevoli dei nostri limiti, per questo volenterosi di ricevere il perdono, e rassicurati dalla promessa di Gesù: “oggi la salvezza è entrata in questa casa”!


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 16 Novembre 2021
Articolo successivoJavier Massa – Commento al Vangelo del 16 Novembre 2021