Gesuiti – Commento al Vangelo del 6 Novembre 2018

73

Per annunciare il regno di Dio, Gesù attiva i miei sensi.

Oggi, la sua Parola stimola il gusto, attraverso il cibo del banchetto dei cieli.

Il regno che mi apre Gesù passa per la tavola, dove il bisogno di nutrirsi si fa condivisione, rito e festa, si fa comunità – nel convertire il bisogno in relazione; si fa unione – celebrata in un banchetto nuziale.

La tavola alla quale oggi sono invitato mi fa sperimentare la gratuità. Chi mi offre da mangiare ha investito il suo tempo a preparare la cena, la tavola, a scegliere ciò che fosse di mio gradimento, mi fa sperimentare l’amore, che per mezzo della dolcezza del cibo raggiunge le mie stesse viscere, il cuore dell’amore biblico.

Tutto ciò si dà per mezzo di una chiamata: “Vuoi venire alla festa?”

Ma la risposta che tutti si aspettano, il “sì” di chi non può non rispondere all’amore che con l’amore, non arriva… Vari affanni – materiali e relazionali – diventano una scusa, quel mezzo “no” politicamente corretto che mi tiene fuori dal regno.

Gesù non dispera, continua la ricerca in ogni dove affinché la sala del banchetto si riempia, affinché tutti possano gustare la dolcezza di ciò che ci ha preparato. Alla sua festa c’è ancora posto, aspetta solo un “sì”, quello di chi, anche se povero, anche se non ha occhi per contemplarlo, anche se non ha piedi per servirlo, ha ancora un cuore pronto a nutrirsi del sapore di Dio.

Oggi Gesù attende il mio “sì”.

Giuseppe Amalfa SJ

Immagino

Provo a visualizzare la scena, il luogo in cui avviene, i personaggi principali, le parole che si scambiano, il tono delle voci, i gesti. E lascio affiorare il mio sentire, senza censure, senza giudizi.

Rifletto sulle domande

  • Come immagino il regno di Dio?
  • Cosa mi fa sentire vivere l’esperienza di Cristo attraverso il gusto?
  • Ho vissuto momenti della mia vita in cui Gesù mi ha invitato al suo banchetto? Come ho risposto?

Ringrazio

Come un amico fa con un amico, parlo con il Signore su ciò che sto ricevendo da lui oggi…
Recito un “Padre nostro” per congedarmi e uscire dalla preghiera.

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato secondo il metodo della spiritualità ignaziana, disponibile anche tramite la loro newsletter quotidiana.[/box]

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 14, 15-24
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, uno dei commensali, avendo udito questo, disse a Gesù: «Beato chi prenderà cibo nel regno di Dio!».
Gli rispose: «Un uomo diede una grande cena e fece molti inviti. All’ora della cena, mandò il suo servo a dire agli invitati: “Venite, è pronto”. Ma tutti, uno dopo l’altro, cominciarono a scusarsi. Il primo gli disse: “Ho comprato un campo e devo andare a vederlo; ti prego di scusarmi”. Un altro disse: “Ho comprato cinque paia di buoi e vado a provarli; ti prego di scusarmi”. Un altro disse: “Mi sono appena sposato e perciò non posso venire”.
Al suo ritorno il servo riferì tutto questo al suo padrone. Allora il padrone di casa, adirato, disse al servo: “Esci subito per le piazze e per le vie della città e conduci qui i poveri, gli storpi, i ciechi e gli zoppi”.
Il servo disse: “Signore, è stato fatto come hai ordinato, ma c’è ancora posto”. Il padrone allora disse al servo: “Esci per le strade e lungo le siepi e costringili ad entrare, perché la mia casa si riempia. Perché io vi dico: nessuno di quelli che erano stati invitati gusterà la mia cena”».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

[/box]

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 6 Novembre 2018
Articolo successivodon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 6 novembre 2018