fra Stefano M. Bordignon – Commento al Vangelo del 7 Giugno 2022

81

- Pubblicità -

Allora cosa mi dite? Lo sapevate che noi siamo il sale della terra e che siamo la luce del mondo? Certo che lo sapevate, tutti noi lo sappiamo perché l’abbiamo sentito dire molte volte. Ma un conto è sapere le cose, un altro conto è crederci e vivere in modo conforme a quello che noi siamo.

Con questo voglio dire che noi sappiamo di essere il sale della terra ma non ci crediamo abbastanza, e in molte circostanze viviamo un po’ come tutti gli altri, in modo insipido, ci conformiamo alla mentalità di questo mondo e perdiamo il significato del nostro essere cristiani. Noi non siamo cristiani solo per noi stessi, noi non siamo cristiani solo per salvare la nostra vita, ma anche per dedicarci agli altri e comunicare loro la luce dello Spirito santo che dimora in noi.

Qui non si tratta di ostentare la nostra fede, o di andare a suonare i campanelli delle case nella speranza di convertire le persone. Si tratta invece di mettere i nostri carismi, i nostri doni, al servizio della comunità cristiana, e di tutta l’umanità. Non trattenere la luce che è in te, e per fare questo: ritrova la luce che è in te. Non dire che non hai luce, mentiresti. Ritrova la luce che è in te, ripuliscila, alimentala, e mettila al servizio di tutta la comunità.

Perché questo è il senso della nostra vita, lasciar splendere la luce che è dentro di noi.

Fonte: il canale YOUTUBE di fra Stefano


Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 7 Giugno 2022
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 7 Giugno 2022