fra Marin Berišić – Commento al Vangelo del 20 Febbraio 2020

367

“Ed egli domandava loro: Ma voi, chi dite che io sia? Per conoscere una persona ci vuole il tempo, ci vuole il cammino, e che vuol dire fare l’esperienza, essere coinvolti nella vita dell’altro. Gesù interroga, sempre erano gli altri che chiedevano chi è costui?

Invece adesso è lui che dice a me, a te: Ma voi, chi dite che io sia? Non sono più io a metterlo in questione, è Lui che mi mette in questione chiedendomi, ma io per te chi sono? La domanda è molto concreta e dovrebbe provocarci, dovrebbe farci scoprire o meglio riscoprire quell’esperienza viva di Gesù. L’esperienza del tocco, l’esperienza quando ci ha tolto cecità, l’esperienza quando ci ha preso per mano.

L’esperienza! E da questa domanda che comincia la nostra fede. Perché la fede è rispondere alla domanda di Dio. Il passare dall’interrogare a essere interrogati è un invito ad una comprensione più profonda di lui perché possiamo scoprire meglio chi siamo noi. “Pietro gli rispose: Tu sei il Cristo.”

Pietro lo fa in nome di tutti, Gesù è il Cristo, è la nostra speranza è il nostro Messia che desideriamo e aspettiamo. Tu sei per noi il Cristo, la speranza! Però stiamo attenti che non diventi il Cristo a misura dei nostri ragionamenti. Lui ci dice di seguirlo, di andare dietro Lui se vogliamo vita vera. La vita che è generata dal suo amore per noi, la vita che vale la pena vivere.

Gesù ci fa capire che nonostante tutte le sofferenze non scappa, il suo amore è più grande di ogni sofferenza. Essere in relazione con lui, rispondere alla sua domanda, non secondo gli uomini, ma secondo Dio, anche per noi l’amore sarà più grande della sofferenza.

Fra Marin Berišić – su Facebook


Tu sei il Cristo …. Il Figlio dell’uomo deve molto soffrire.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 8, 27-33   In quel tempo, Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». Ed essi gli risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa e altri uno dei profeti». Ed egli domandava loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro gli rispose: «Tu sei il Cristo». E ordinò loro severamente di non parlare di lui ad alcuno.  E cominciò a insegnare loro che il Figlio dell’uomo doveva soffrire molto ed essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e, dopo tre giorni, risorgere. Faceva questo discorso apertamente. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo. Ma egli, voltatosi e guardando i suoi discepoli, rimproverò Pietro e disse: «Va’ dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini».   Parola del Signore