Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 9 Maggio 2022

59

- Pubblicità -

“ Io sono la porta “.

PORTA

Gesu’ si paragona a questo oggetto.

E’ bellissimo.

La porta è infatti simbolo di libertà, ognuno puo’ decidere di entrare, di uscire, di aprirla, di chiuderla.

Dire che il nome di Dio è ”  porta “ equivale a dire che il suo nome è “ Libertà “.

Siamo liberi, fratelli e sorelle, infinitamente liberi.

- Pubblicità -

Gesu’ ci dice solo quali sono le conseguenze della scelta di entrare o di restare fuori.

Se entri nella porta di Cristo ti affidi alle mani di un “ guardiano “ che ti conosce, ti ama e ti cura.

Il guardiano ti dà sicurezza, conosci la sua voce e sei disposto ad “ uscire e seguirlo “.

Il nostro Dio è allora “ libertà “ ma anche fedeltà, sicurezza, cura.

Sta tutto a te.

Vuoi seguire questo “ guardiano “ o metterti alla sequela “ di un ladro, di un brigante “, che non ti conosce, non ti segue, non si interessa di te e vuole solo separarti da tuo Padre?

Sei libero, scegli.

Il mio augurio è che tu “ apra quella porta “ che conduce a Dio se fino ad oggi la hai tenuta chiusa.

Avrai finalmente “ vita “ e la avrai “ in abbondanza “.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 9 Maggio 2022
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 9 Maggio 2022