Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 4 Aprile 2022

92

- Pubblicità -

“ Io sono la luce del mondo; chi segue me non camminerà nelle tenebre ma avrà la luce della vita “.

E’ una delle frasi piu’ belle che si trovano nei Vangeli.

Spiega il perché della bellezza di essere cristiani e non ha veramente bisogno di commenti: va solo contemplata, ruminata ed interiorizzata.

Balbettando qualcosa si puo’ dire che il cristiano riconosce Cristo come “ luce “, come “ faro “ della sua esistenza.

La “ luce “ permette di non avere paura del buio, dà la forza di attraversare le tenebre perchè consente di comprendere che dopo di esse c’è sempre lei, che è piu’ forte del buio.

Il cristiano segue quindi la Luce, la sua Luce.

Il mondo proverà a dire che non è vero, che siamo degli illusi, che non abbiamo prove di cio’ che diciamo, che ci mancano i “ testimoni “ di quanto andiamo affermando.

- Pubblicità -

Non preoccupiamoci: anche a Cristo sono state mosse queste accuse.

Cosi’ come Gesu’ rispondiamo, a testa alta, a queste persone: “ parlate cosi’ perché non conoscete né Cristo né il Padre “ e perseveriamo per la nostra strada, illuminata da Cristo.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedenteBenedetto XVI – Commento al Vangelo del 4 Aprile 2022
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 4 Aprile 2022