Fabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 12 Febbraio 2020

336

Il messaggio di Gesù nel Vangelo di oggi rivoluziona quello che è il pensiero comune sul male: “Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza.

Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo”. Non è il mondo, cioè ciò che viene dall’esterno, a incattivire l’uomo, bensì ciò che viene dal suo cuore. Questo non significa che l’uomo sia cattivo o sia stato fatto male. Siamo stati creati da Dio e Lui non sbaglia mai. Siamo “cosa molto buona”, come leggiamo nella Genesi.

Il discorso è ben più ampio e certamente meriterebbe più spazio, soprattutto da parte di esperti, ma credo che si tratti di una questione di scelte. Noi siamo sempre liberi di scegliere come reagire rispetto a qualcosa e, quindi, di cosa far uscire dal nostro cuore. Ciò in cui ci imbattiamo è spesso il risultato di ciò che coltiviamo nel cuore.

Mi viene da fare un esempio banale e generale: se in TV e nei media troviamo tanta spazzatura, la responsabilità non è solo dei media che speculano, ma anche della domanda che c’è di quella spazzatura. C’è da rivalutare la nostra libertà, perché noi non solo non siamo ciò che sentiamo o che ci accade, ma siamo anche estremamente liberi.

Fabrizio Francesco CampusCommento a cura di Fabrizio Francesco Campus

Il 5 Aprile 2015 ho ricevuto il Battesimo, diventando a tutti gli effetti cristiano cattolico, ma soprattutto figlio di un Dio che non ha mai smesso di cercarmi. La mia vita non è cambiata, ma è cambiato il mio sguardo su di essa. Non sono migliore, ma ora so di essere infinitamente amato e sono in cammino per imparare ad amarmi e ad amare così.


Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro l’uomo.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 7, 14-23   In quel tempo, Gesù, chiamata di nuovo la folla, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e comprendete bene! Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro». Quando entrò in una casa, lontano dalla folla, i suoi discepoli lo interrogavano sulla parabola. E disse loro: «Così neanche voi siete capaci di comprendere? Non capite che tutto ciò che entra nell’uomo dal di fuori non può renderlo impuro, perché non gli entra nel cuore ma nel ventre e va nella fogna?». Così rendeva puri tutti gli alimenti.  E diceva: «Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro l’uomo. Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo».   Parola del Signore