don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 6 Gennaio 2021

59

“Abbiamo visto spuntare la sua stella”

I Magi partono perchè vedono una stella, un astro celeste per loro diventa un segno. Tante volte anche noi agiamo non tanto perchè consapevoli di qualcosa, ma perchè negli eventi riconosciamo dei “segni” che ci indicano quale strada percorrere. Questo è un modo universale di cui il Signore si serve per suggerirci la via. A volte infatti non si conosce bene la Parola di Dio o non risulta immediato come lasciarsi guidare da essa. Per questo il Signore non rinuncia a guidare l’umanità anche per mezzo di altri segni, diversi dalla sua Parola, affinchè l’umanità raggiunga la salvezza. Occorre riconoscere tuttavia che il cammino dei Magi non è stato facile, ma tortuoso, pieno di dubbi e di insidie. Perfino quel segno a cui si erano affidati era svanito nel nulla, lasciandoli confusi. Per questo gioiscono nel rivederlo di nuovo sul loro cammino. Come sarebbe stato il percorso de Magi se avessero conosciuto le Profezie? Non sarebbero andati dritti a Betlemme come dicevano le Scritture? Forse avrebbero anche evitato di fermarsi alla corte di Erode in Gerusalemme.

E tu non riconosci il dono che ti è stato fatto? Per incontrare il Signore e avere in dono la salvezza hai ricevuto la Sua Parola. A differenza dei Magi ti è stata data la possibilità di fondare le tue scelte oltre l’incertezza dei segni, affinchè il tuo cammino sia più lineare e sicuro. Perchè dunque non conoscere di più il segno più certo che Dio ha posto sul tuo cammino? Perchè non prodigarsi per farlo conoscere meglio?

In breve

La Parola di Dio è la stella che rende più agevole e lineare il cammino dei figli di Dio per andare incontro al Signore.


Link al video

Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto: La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS
e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 4 Gennaio 2021 – Gv 1, 35-42
Articolo successivoRobert Cheaib – Commento al Vangelo del 4 Gennaio 2021