don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 30 Settembre 2021

71

“Pace a questa casa”

Non è una semplice espressione di saluto, ma una vera missione. Entrare in una casa, a cominciare dalla propria, e offrire la pace ai membri che la abitano. Ma come possono gli altri ricevere pace da noi se per prima manca a noi stessi? E come può esserci donata dagli altri se, a volte, siamo noi per primi a sottrarla a loro? È un’illusione pensare di ottenere la pace per assenza di “intoppi” e di contrarietà. Questa è un’idea di pace utopica, che non tiene conto della realtà.

Pensare che la pace consista in questo è la prima causa di insoddisfazione e nervosismo. Questa falsa idea di pace ci induce a voler dominare gli eventi e gli altri; ci porta ad esigere che le situazioni si svolgano secondo il nostro calendario e i nostri programmi. Genera continuamente tensioni dentro di noi. La via per ottenere la pace è quella di saper accogliere gli eventi che accadono con grande docilità e flessibilità alla volontà di Dio. In tal modo si libera la propria volontà dalla schiavitù del proprio modo di sentire e del proprio desiderio.

In breve

La pace non è l’assenza di contrarietà rispetto ai tuoi schemi, ma è nella grande libertà con cui si sanno accogliere gli eventi che il Signore presenta.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 30 Settembre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 30 Settembre 2021