don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 23 Novembre 2021

37

“Di quello che vedete, non resterà pietra su pietra”

Lo sguardo che Gesù ha sul Tempio non è disfattista e non vuole indurre pessimismo e terrore. Tutt’altro. Il suo sguardo è il giusto contrappeso a quella vana compiacenza con cui si guarda al proprio lavoro, alle opere del proprio intelletto, o dei propri frutti. A volte siamo presi da una mania di assoluto e di eterno, che dimentichiamo che ogni nostra opera è soggetta al flusso della storia e del tempo, il cui ricordo è destinato a scomparire.

Anche le imprese più storiche di cui gli uomini fanno memoria, resteranno fino al tempo che Dio ha stabilito per la vita umana, ma non in eterno. Se dunque compissimo tutte le nostre azioni con questa consapevolezza, noi stessi saremmo i primi a ridere di chi elogia ed esalta qualcosa che non ha futuro, non ha alcun accesso all’eternità. Le opere umane sono lo strumento con cui l’uomo giorno per giorno guadagna la sua eternità. E l’opera che può apparire più umile e silenziosa allo sguardo degli uomini e della storia, può essere quella che rimane per sempre dinanzi a Dio.

In breve

Tu a quali tipi di opere sei più dedito? Ci sono quelle che cercano di guadagnarsi l’eternità beata, e quelle che cercano di guadagnarsi la memoria e la lode degli uomini.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 23 Novembre 2021
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 23 Novembre 2021