don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 17 Giugno 2022

58

- Pubblicità -

“Dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore”

La nostra vita è collocata non soltanto in senso geografico, in un luogo e in un territorio ben preciso, ma sopratutto in senso affettivo. I luoghi in cui la nostra vita si svolge sono quelli in cui risiedono le cose e le persone che amiamo, a cui siamo interessati.

Gesù dice che a volte questi luoghi corrono il rischio di essere precari, soggetti alla corrosione e alla dissoluzione. Quando viviamo la relazione con le cose o le persone solo in vista di necessità e finalità umane, allora tutto può perdersi con il tempo e venir via, ma se ogni bene lo guardi in relazione all’eternità allora puoi creare legami eterni anche se il tempo condiviso insieme è poco e saltuario.

Possiedi davvero solo quello che hai vissuto per il Regno dei cieli e per l’eternità, quel bene che hai posto davanti allo sguardo di Dio e che rimane ormai indelebile.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 17 Giugno 2022
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 17 Giugno 2022