don Mauro Leonardi – Commento (e poesia) al Vangelo del giorno, 26 Maggio 2021

57

Bartimeo chiama Gesù come fa la Maddalena nel momento in cui lo incontra risorto. Il cieco getta il mantello delle convenienze e delle protezioni di cui a volte tutti noi abbiamo bisogno e così riesce a vedere il corpo glorioso di Cristo. Il miracolo, ancora prima che nel corpo, è già avvenuto nel cuore. Il cieco nato è il primo ad annunciare che Cristo è il Risorto.

Cosa vuoi che faccia?

Cosa voglio che tu mi faccia?
Voglio vederti.
Voglio seguirti.
Voglio stare dove stai tu.
Voglio stare con te.
Voglio ascoltare la tua voce.
Voglio vedere il tuo viso.
Voglio sentire le tue braccia.
Tu mi chiedi cosa voglio da te.
Ecco la mia risposta.
Voglio te.

Non fermarmi.
Non metterti tra me e lui.
Spostati.
Lasciami passare.
Non rimproverarmi.
Posso gridare ancora più forte se cerchi di allontanarmi da lui.
Non è tuo.
Anche se tu lo vedi sempre.
E io non lo vedo.
Non è tuo.
Io sento tutto di lui.
Anche il suo piede che tocca terra. Io lo sento.
Io sento lui, sempre.
Spostati.

Fonte: il sito di don Mauro Leonardi

Mauro Leonardi (Como, 4 aprile 1959) è un presbitero, scrittore e opinionista italiano.


Articolo precedentep. Maurizio de Sanctis – Commento al Vangelo del 30 Maggio 2021
Articolo successivoPaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 27 Maggio 2021 – Mc 10, 46-52