don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 16 Aprile 2021 – Gv 6, 1-15

582

Il luogo del miracolo raccontato nel Vangelo di oggi è Tiberiade. Deve rimanerci impresso questo dettaglio perché la moltiplicazione dei pani e dei pesci avviene nello stesso posto dove Gesù apparirà risorto per l’ultima volta facendo eucarestia con i suoi discepoli. Tiberiade rappresenta lo scenario di tutta l’umanità, il mondo pagano.

Ed è qui che il miracolo raccontato nel Vangelo di oggi fa da prefigurazione all’ultimo segno che compirà prima della Sua ascensione.  La domanda che Gesù rivolge a Filippo sul dove si potrà trovare pane per tutti è domanda rivolta a ognuno di noi quando davanti alla sproporzione delle cose che ci accadono ci sentiamo interpellati: “E adesso dove troverai tutte le forze per affrontare questo?”.

C’è sempre la presa di coscienza di una grande sproporzione che c’è tra le nostre forze e ciò che ci tocca vivere. Se ci pensiamo davvero, sperimentiamo lo stesso spaesamento che avrà provato il povero Filippo. Solo un miracolo può salvarci. E il miracolo accade.

“Gli disse allora uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro: ‘C’è qui un ragazzo che ha cinque pani d’orzo e due pesci; ma che cos’è questo per tanta gente?’”.

Bisogna avere almeno l’umiltà di sapere quel poco che si ha. Se sappiamo fare solo l’elenco di ciò che ci manca rimaniamo schiacciati dal solo pensiero delle cose. Gesù moltiplica quei cinque pani e due pesci, ma moltiplica non crea. Moltiplicare cinque è cosa diversa dal moltiplicare zero. Nessuno di noi ha zero. Ha qualcosa, che non sarà certamente abbastanza. Lo metta però con fiducia davanti al Signore ed Egli farà il resto. L’errore è il pensare che il poco che noi abbiamo non conti nulla.

In realtà non conta nulla quando rimane da solo, ma quando è consegnato a Lui non solo basta ma avanza. Non è magia, ma è il miracolo del possibile offerto con fiducia. Dovremmo diventare esperti nel fare questo tipo di miracoli, cioè nel fare ciò che ci è possibile fare senza pretendere da noi stessi l’impossibile. Quest’ultimo lasciamolo a Lui.


AUTORE: don Luigi Maria Epicoco
PAGINA FACEBOOK
FONTE: Amen – La Parola che salva – ABBONATI A 12 MESI (12 NUMERI) A 34,90€

Articolo precedentedon Mauro Leonardi – Il Vangelo secondo TikTok
Articolo successivoCommento al Vengelo del 16 Aprile 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini