don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 29 Dicembre 2021

56

“Ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore – e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o due giovani colombi, come prescrive la legge del Signore”

Niente di straordinario quel mattino al tempio. La più quotidiana delle scene. Un primogenito presentato dai genitori, riscattato – in quanto di Dio – come ogni primizia. Li avranno visti in tanti.
Ma solo tu, Simeone, hai avuto occhi per vederli davvero. Il tuo sguardo sa andare oltre le apparenze. E così accogli tra le tue braccia la promessa di Dio. Nelle tue braccia sono le braccia delle generazioni prima di te, e di quelle che verranno. Le nostre stesse braccia. Ci appassiona quella tua vita tutta fatta attesa. Che non s’inquieta se la morte si avvicina. Quel tuo sperare non per te stesso, ma per le generazioni che vengono.
Quel tuo consegnare al futuro non l’orgoglio di una vita fedele, irreprensibile e giusta. Ma un bimbo, salvatore tuo e di tutti.[…]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentePadre Raoul Sohouénou – Commento al Vangelo del 29 Dicembre 2021
Articolo successivodon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 29 Dicembre 2021