don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 7 Giugno 2022

60

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di Martedì 7 Giugno 2022 – X settimana tempo ordinario

Mangiare senza sale non è una bella esperienza, certamente ci verrebbe di lasciare quella minestra. Nella vita spirituale non può essere diversamente.

Spesso sento di persone che scelgono di non fidarsi più di Dio perché non hanno avuto un buon esempio. Il sale dà sapore, la nostra vita cristiana non può essere una vita al pari di tutti, siamo chiamati a dare di più, a fare la differenza, ma senza esagerare. 

È vero che mangiare scialbo non è invitante, ma è altrettanto vero che mangiare eccessivamente saporito può portare alla morte. Quanti fedeli smorti e quanti troppo animati. Il fedele in entrambe le situazioni non si sta fidando di Dio, ma del proprio modo di fare.

Affidarsi significa pregare il Signore e lasciarsi ispirare docilmente dal suo Spirito Santo: sarà Lui stesso a dirci come e quanto operare. Magari, poi, il confronto umano con un uomo di Dio potrebbe aiutarci a discernere se stiamo facendo la cosa giusta!

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE


Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 7 Giugno 2022
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 7 Giugno 2022