don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 30 Maggio 2022

83

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di Lunedì 30 Maggio 2022 – VII Settimana di Pasqua

In questa “professione di fede”, i discepoli confessano la continua presenza di Gesù e la sua origine divina. Egli comunica loro il senso di smarrimento e di abbandono che vivranno di lì a poco. 

A conclusione del discorso, il Maestro richiama il tema della pace che scaturisce dall’essere in comunione con Lui. Per raggiungerla, il discepolo deve attraversare tante tribolazioni. 

Per questo motivo li esorta al coraggio, sostenuto dalla certezza della sua vittoria sul mondo: il cristiano può vincere il mondo con la fede in Cristo. Gesù chiede ai discepoli di rimanere forti e di vivere nella sua pace. Li rasserena e rassicura: sapeva già che avrebbero continuato a disperdersi anche dopo la Risurrezione, annunciando a tutto il mondo il Regno di Dio. 

E’ un mistero grande quello che Gesù ci rivela in questa ora decisiva del suo stare in mezzo a noi: tribolazione e vittoria, dolore e gioia, morte e vita. Nelle nostre ore decisive è Lui la pace. 

  • Come affronti i momenti difficili?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE


Articolo precedenteGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 30 Maggio 2022
Articolo successivodon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 30 Maggio 2022