don Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 22 Maggio 2020

34

Dal Vangelo di oggi:
“La donna, quando partorisce, è nel dolore, perché è venuta la sua ora; ma, quando ha dato alla luce il bambino, non si ricorda più della sofferenza, per la gioia che è venuto al mondo un uomo”. (Gv 16,21)

Che cosa magnifica pensare alla nostra vita come ad un parto. Siamo chiamati a generare l’uomo nuovo che abita in noi. A diventare tutto ciò che di bello e di buono vorremmo essere, e non siamo ancora.


Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 22 Maggio 2020
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 22 Maggio 2020