Commento al Vangelo del 19 Marzo 2020 – Padre Antonio Salinaro – Mt 1, 16.18-21.24

3

Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria.

Oggi, festa di San giuseppe, ricordiamo tutti i papà… i viventi con cui possiamo ancora cogliere l’occasione di intessere trame di bellezza e quelli che ormai non ci sono più ma che possiamo ricordare (portare al cuore). E anche oggi il signore Gesù ci incoraggia… come ha incoraggiato giuseppe: non temere! Ai tempi del coronavirus le parole che ci arrivano dalla scrittura sono di conforto, sono un progetto di vita, sono “segnali dal futuro”.

A noi che abbiamo la tendenza a spaventarci quando qualcosa di nuovo irrompe nella nostra vita, Dio dice: non temere, non aver paura!
A noi che non sappiamo gestire relazioni troppo strette e troppo presenti, perché non siamo più abituati Dio dice: non temere cogli l’occasione!
A noi che manca lo spazio geografico perché chiusi in casa, Dio dice: non temere c’è lo spazio del cuore in cui puoi passeggiare, visto che non lo fai quasi mai!

A noi che abbiamo perso lo stupore di leggere la fine di un libro, di osservare i nostri figli quando non sono visti, di cogliere la fatica di una giornata in casa, di ridere insieme perché è arrivato lo sclero; a noi che ci siamo dimenticati di sentire ciò che c’è “dentro” perché di solito siamo sempre “fuori” …

Dio dice: non temere, non spaventarti di recuperare, non spaventarti di cogliere occasioni, non spaventarti di dire: #iorestoacasa, infatti la vera casa non è uno spazio geografico ma un “tra” in cui poter sostare. Quaresima tempo per aprire gli archivi della dimenticanza senza il timore di esserne sopraffatti! Buona festa a tutti…


A cura di p. Antonio Salinaro su Facebook