Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 19 Novembre 2021

33

La cacciata dei venditori dal tempio è stata interpretata a vari livelli: letteralmente, come descrizione di un fatto storico, e in modo simbolico-spirituale a partire dalle diverse valenze della parola “tempio”. Essa è dunque un invito ai giudei a purificare il loro tempio e ripristinarlo come casa di preghiera secondo gli appelli profetici, una messa in guardia rivolta alla chiesa e a quanti nella chiesa volgono a loro profitto la pietà dei fedeli, ed infine un appello all’anima di ciascun credente, simboleggiata dal tempio, a scacciare i pensieri e le occupazioni dannose.

Per riflettere

La tua vita dà abbastanza spazio alla preghiera o è un covo di tante occupazioni e preoccupazioni vane?

Preghiera finale

Concedimi Signore,
di stare alla tua presenza
e di adorarti nel profondo del cuore.
Aiutami a far silenzio, intorno a me e dentro di me,
per poter meglio ascoltare la tua voce.
Ispira tu i miei pensieri, sentimenti, desideri e decisioni
affinché io cerchi, sempre ed unicamente,
quello che è più gradito a te.
Spirito Santo, dono del Padre,
crea in me un cuore nuovo, libero per donarmi senza riserve,
seguendo Cristo umile e povero.
Maria, madre di Gesù e madre della Chiesa,
modello di disponibilità alla voce di Dio,
aiuta la mia preghiera con la tua preghiera.
Amen.


AUTORI: Claudia Lamberti e Gabriele Bolognini
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 19 Novembre 2021
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 19 Novembre 2021