Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 13 Novembre 2021

47

La parabola evidenzia la necessità di pregare senza stancarsi mai. Con l’immagine della vedova insistente, Gesù vuole sostenere la nostra fiducia: se un uomo corrotto alla fine ascolta una ripetuta richiesta, Dio non farà altrettanto? La preghiera deve poggiare sulla fede, sulla certezza che questo brano trasmette: Dio non ci abbandona ed interviene. “La preghiera è il respiro della fede” (Papa Francesco).

Per riflettere

Ti stanchi di pregare? Hai fiducia nella preghiera?

Preghiera finale

Aiutaci Signore
ad essere perseveranti nella preghiera,
a non stancarci mai di fidarci di te.
Ti preghiamo Signore,
aiutaci ad essere disponibili con i nostri fratelli,
a porgere loro la mano non per dovere,
ma perché è quello che tu ci hai insegnato a fare.
Ti ringraziamo Signore,
perché tu ci ricordi che il Padre
non smette mai di ascoltarci.
Perché Dio ci dà sempre quello che il suo amore gli suggerisce.
Amen.


AUTORI: Claudia Lamberti e Gabriele Bolognini
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 13 Novembre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 13 Novembre 2021