Mons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 21 Gennaio 2023

60

- Pubblicità -

SABATO 21 GENNAIO – II SETTIMANA T. O. [A]

Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; dicevano infatti: «È fuori di sé».

Quando un uomo chiama pazzo un altro uomo? Nel campo della nostra fede, un uomo chiama pazzo un altro uomo, quando i suoi pensieri per incapacità molto spesso di natura, ma anche molto più spesso per ostinazione della sua volontà, non riescono o non vogliono accogliere i pensieri soprannaturali con i quali l’altro parla. Gesù parla e agisce sempre dalla verità soprannaturale che lo muove nello Spirito Santo. I suoi che sono di natura carnale e sono condotti da una verità di carne non possono comprendere Cristo Gesù e lo dicono “Fuori di sé”. L’Apostolo Paolo non rivela forse che il mistero della croce è follia, stoltezza, insipienza per i pagani e scandalo per i Giudei? “La parola della croce infatti è stoltezza per quelli che si perdono, ma per quelli che si salvano, ossia per noi, è potenza di Dio. Sta scritto infatti: Distruggerò la sapienza dei sapienti e annullerò l’intelligenza degli intelligenti.

Dov’è il sapiente? Dov’è il dotto? Dov’è il sottile ragionatore di questo mondo? Dio non ha forse dimostrato stolta la sapienza del mondo? Poiché infatti, nel disegno sapiente di Dio, il mondo, con tutta la sua sapienza, non ha conosciuto Dio, è piaciuto a Dio salvare i credenti con la stoltezza della predicazione. Mentre i Giudei chiedono segni e i Greci cercano sapienza, noi invece annunciamo Cristo crocifisso: scandalo per i Giudei e stoltezza per i pagani; ma per coloro che sono chiamati, sia Giudei che Greci, Cristo è potenza di Dio e sapienza di Dio. Infatti ciò che è stoltezza di Dio è più sapiente degli uomini, e ciò che è debolezza di Dio è più forte degli uomini” (1Cor 1,18-25).

- Pubblicità -

“Di queste cose noi parliamo, con parole non suggerite dalla sapienza umana, bensì insegnate dallo Spirito, esprimendo cose spirituali in termini spirituali. Ma l’uomo lasciato alle sue forze non comprende le cose dello Spirito di Dio: esse sono follia per lui e non è capace di intenderle, perché di esse si può giudicare per mezzo dello Spirito. L’uomo mosso dallo Spirito, invece, giudica ogni cosa, senza poter essere giudicato da nessuno. Infatti chi mai ha conosciuto il pensiero del Signore in modo da poterlo consigliare? Ora, noi abbiamo il pensiero di Cristo” (1Cor 2,13-16).

Lo stesso Apostolo Paolo non fu chiamato pazzo da Festo, mentre lui stava raccontando al Re Agrippa l‘incontro con Cristo sulla via di Damasco? Quel racconto era follia per lui: “Mentre stavo andando a Damasco con il potere e l’autorizzazione dei capi dei sacerdoti, verso mezzogiorno vidi sulla strada, o re, una luce dal cielo, più splendente del sole, che avvolse me e i miei compagni di viaggio. Tutti cademmo a terra e io udii una voce che mi diceva in lingua ebraica: “Saulo, Saulo, perché mi perséguiti? È duro per te rivoltarti contro il pungolo”. E io dissi: “Chi sei, o Signore?”. E il Signore rispose: “Io sono Gesù, che tu perséguiti. Ma ora àlzati e sta’ in piedi; io ti sono apparso infatti per costituirti ministro e testimone di quelle cose che hai visto di me e di quelle per cui ti apparirò.

Ti libererò dal popolo e dalle nazioni, a cui ti mando per aprire i loro occhi, perché si convertano dalle tenebre alla luce e dal potere di Satana a Dio, e ottengano il perdono dei peccati e l’eredità, in mezzo a coloro che sono stati santificati per la fede in me”. Perciò, o re Agrippa, io non ho disobbedito alla visione celeste, ma, prima a quelli di Damasco, poi a quelli di Gerusalemme e in tutta la regione della Giudea e infine ai pagani, predicavo di pentirsi e di convertirsi a Dio, comportandosi in maniera degna della conversione. Per queste cose i Giudei, mentre ero nel tempio, mi presero e tentavano di uccidermi.

Ma, con l’aiuto di Dio, fino a questo giorno, sto qui a testimoniare agli umili e ai grandi, null’altro affermando se non quello che i Profeti e Mosè dichiararono che doveva accadere, che cioè il Cristo avrebbe dovuto soffrire e che, primo tra i risorti da morte, avrebbe annunciato la luce al popolo e alle genti». Mentre egli parlava così in sua difesa, Festo a gran voce disse: «Sei pazzo, Paolo; la troppa scienza ti ha dato al cervello!». E Paolo: «Non sono pazzo – disse – eccellentissimo Festo, ma sto dicendo parole vere e sagge. Il re è al corrente di queste cose e davanti a lui parlo con franchezza. Penso infatti che niente di questo gli sia sconosciuto, perché non sono fatti accaduti in segreto. Credi, o re Agrippa, ai profeti? Io so che tu credi». E Agrippa rispose a Paolo: «Ancora un poco e mi convinci a farmi cristiano!». E Paolo replicò: «Per poco o per molto, io vorrei supplicare Dio che, non soltanto tu, ma tutti quelli che oggi mi ascoltano, diventino come sono anche io, eccetto queste catene!»” (At 26,12-29).

LEGGIAMO IL TESTO DI Mc 3,20-21

- Pubblicità -

C’è oggi una verità soprannaturale che non sia follia, non per i pagani di questo mondo, ma per lo stesso discepolo di Gesù? Lo stesso Cristo Signore non sta divenendo follia? Il mistero della Parola, della Chiesa, della morale, della vita eterna non si stanno trasformando in follia? Questo sta avvenendo perché il cristiano si è trasformato nella natura. Da natura di luce si è fatto natura di tenebre e tutto ciò che è luce che discende dall’alto per lui è pura follia. Oggi per il cristiano trasformato nella natura è vera follia credere che solo Cristo Gesù è il Redentore e il Salvatore del mondo. La Madre di Dio ci faccia ritornare nella vera natura.

Fonte