La Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 27 Luglio 2023

226

“Perché a voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato”. Gesù fa oggi una distinzione tra discepoli e folla. Qui si corre il pericolo di attribuire la differenza al merito degli uni e al “peccato” degli altri. Invece in quel “a voi è dato”, più che il merito è presente la categoria del dono!

Gesù non dice che i discepoli hanno “meritato” la conoscenza dei misteri, ma che appunto tale conoscenza è stata data loro in dono! Data, non meritata o conquistata. Perché questa nuova sapienza non è raggiungibile o conquistabile: può solo essere ricevuta in dono dal Signore stesso.

A cura di fra Simone dal suo canale Telegram (https://t.me/centoparole)

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno