La Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 22 Giugno 2023

247

Gesù ci insegna che la preghiera non è fatta per dilungarsi nella richiesta di quello di cui si ha bisogno.

Questo il Padre lo sa! Piuttosto la vera preghiera dovrebbe domandare che la paternità di Dio sia riconosciuta e glorificata e che quello che rende meraviglioso il cielo si compia anche sulla terra! Gesù ci invita poi a chiedere “il nostro pane quotidiano”, perché se non è il Padre a nutrirci e sostenerci non possiamo pensare di camminare con le nostre forze! Siamo figli, pur con tutte le nostre fragilità e i nostri peccati.

Viviamo prima di tutto di misericordia. E questa diventa la grande responsabilità che il Padre ci affida: perdonare i nostri debitori.

✝️ Commento al brano del Vangelo di:  ✝ Mt 6,7-15

A cura di fra Simone dal suo canale Telegram (https://t.me/centoparole)

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno