Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 19 Settembre 2023

319

Oggi Gesù ci mostra in che modo convivono in lui in perfetta armonia umanità e divinità. Da una parte partecipa al dolore di questa donna che sta vivendo il dramma della perdita del figlio, dall’altra con il suo tocco divino ridona la vita al ragazzo e lo restituisce a sua madre.

In questo episodio, umano e divino si incontrano per ricordarci una cosa molto importante: Dio ha scelto di incarnarsi nel Figlio per incontrare da vicino la nostra umanità ferita e risanarla, per asciugare le nostre lacrime, per restituirci ciò che veramente il nostro cuore desidera, purché sia conforme a ciò che è bene per noi.

Oggi Gesù rivolge a noi queste parole: non piangete! Qualsiasi sia la ferita, il lutto, la debolezza che ci affligge, egli conosce il nostro dolore e se ne fa carico per restituirci la gioia. Come lo fa?

Attraverso la sua presenza, il suo tocco capace di risanare e restituire speranza. Lasciamoci toccare da questo Dio che per starci vicino ha scelto di abitare la nostra umanità.

Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale!