don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 22 Gennaio 2023

43

- Pubblicità -

Salvati nella rete della Chiesa

III DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO o della Parola di Dio (ANNO A)

Dal libro del profeta Isaìa Is 8,23-9,3

Nella Galilea delle genti, il popolo vide una grande luce.

- Pubblicità -

In passato il Signore umiliò la terra di Zàbulon e la terra di Nèftali, ma in futuro renderà gloriosa la via del mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti. 

Il popolo che camminava nelle tenebre 

ha visto una grande luce;

su coloro che abitavano in terra tenebrosa

una luce rifulse.

- Pubblicità -

Hai moltiplicato la gioia, 

hai aumentato la letizia.

Gioiscono davanti a te

come si gioisce quando si miete

e come si esulta quando si divide la preda.

Perché tu hai spezzato il giogo che l’opprimeva,

la sbarra sulle sue spalle,

e il bastone del suo aguzzino,

come nel giorno di Mádian.

Il profeta è portavoce di Dio che invita ad aver paura dei poteri forti umani ma di confidare nell’aiuto di Dio. La paura rende ciechi e più esposti a compiere passi falsi. L’ostinazione del popolo diventa causa della sua umiliante sofferenza. Chi si sottomette al potere della paura, rinunciando alla speranza e cedendo allo scoraggiamento, perde ciò a cui ha attaccato il cuore. L’annuncio profetico diventa una lama di luce che si fa spazio nella coltre della tristezza dovuta alla mancanza del legame con la terra nativa. Si può giungere a perdere tutto ma il Vangelo rivela che l’amore di Dio non viene mai meno e che è sempre all’opera per ricreare quei legami di appartenenza familiare che permettono al lontani di diventare vicini, agli smarriti di cuore di ritrovare la strada di casa, agli afflitti di essere consolati, agli schiavi del peccato di gioire per la libertà ricevuta in dono, agli infermi di recuperare la sanità del corpo e dell’anima.

Sal 26

Il Signore è mia luce e mia salvezza.

Il Signore è mia luce e mia salvezza:

di chi avrò timore?

Il Signore è difesa della mia vita:

di chi avrò paura? 

Una cosa ho chiesto al Signore,

questa sola io cerco:

abitare nella casa del Signore

tutti i giorni della mia vita,

per contemplare la bellezza del Signore

e ammirare il suo santuario. 

Sono certo di contemplare la bontà del Signore

nella terra dei viventi.

Spera nel Signore, sii forte,

si rinsaldi il tuo cuore e spera nel Signore.

Il Signore è il vero tesoro a cui ambire. Il cuore del salmista è rivolto a Lui. Perciò la speranza anima il suo canto di lode che diventa esortazione per chi vive l’esperienza del turbamento e della paura perché si sente solo e abbandonato, in balia del destino. Dio chiama ad abitare la sua casa, ad entrare nella familiarità con lui. Animati da questa vocazione mettiamoci in cammino per andare incontro al Signore che viene a salvarci.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi 1Cor 1,10-13.17

Siate tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi.

Vi esorto, fratelli, per il nome del Signore nostro Gesù Cristo, a essere tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi, ma siate in perfetta unione di pensiero e di sentire. 

Infatti a vostro riguardo, fratelli, mi è stato segnalato dai familiari di Cloe che tra voi vi sono discordie. Mi riferisco al fatto che ciascuno di voi dice: «Io sono di Paolo», «Io invece sono di Apollo», «Io invece di Cefa», «E io di Cristo». 

È forse diviso il Cristo? Paolo è stato forse crocifisso per voi? O siete stati battezzati nel nome di Paolo? 

Cristo infatti non mi ha mandato a battezzare, ma ad annunciare il Vangelo, non con sapienza di parola, perché non venga resa vana la croce di Cristo.

Paolo si rivolge alla comunità di Corinto ricordando loro che sono venuti alla fede non perché rimasti affascinati dalla sua retorica ma perché attratti dal Vangelo che egli ha annunciato dando voce alla Parola di Dio. Attraverso di lui Dio li ha chiamati alla conversione non solamente nel passaggio dal paganesimo al cristianesimo ma soprattutto nel cambiamento di mentalità e stile di vita. Paolo si è fatto mediatore del Vangelo perché tutti potessero fare esperienza di fraternità nella chiesa di cui i pastori sono al servizio della sua unità. Le voci di divisioni e fazioni rattristano il cuore di Paolo che esorta a superare ogni ostacolo al cammino della comunione che è il vero volto della Chiesa di Dio. Rimettendo al centro la Parola di Dio, ognuno è esortato a ricentrare in Cristo la mente e il cuore per poter essere concordi nel parlare e unanimi nell’agire.

+ Dal Vangelo secondo Matteo Mt 4,12-23

Venne a Cafàrnao perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa.

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:

«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,

sulla via del mare, oltre il Giordano,

Galilea delle genti!

Il popolo che abitava nelle tenebre

vide una grande luce,

per quelli che abitavano in regione e ombra di morte

una luce è sorta».

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».

Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.

Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.

Dopo la trilogia sinottica, in cui si sono susseguite in ordine le scene della predicazione del Battista, il battesimo di Gesù e le tentazioni, il racconto entra nel vivo della missione di Gesù la cui inaugurazione coincide con l’arresto di Giovanni Battista. L’evangelista pone l’accento sul dato geografico. La Giudea sembra non essere un luogo sicuro per avviare la missione. Quindi Gesù opta di tornare in Galilea, però non a Nazaret, sua patria di origine, ma a Cafarnao, villaggio di pescatori sulle rive del Lago di Tiberiade. La scelta di Cafarnao, che potrebbe sembrare agli occhi del lettore una tattica dettata dalla prudenza, è letta dal narratore a partire dalla collocazione geografica nel territorio di Zàbulon e di Néftali richiamate a loro volta nell’oracolo profetico di Isaia che cita le due tribù inserendole in quella regione che chiama «Galilea dei pagani». Essa è abitata da un popolo avvolto nell’ombra della morte per il quale sorge una luce di speranza. Le tribù di Zabulon e di Neftali furono le prime ad essere deportate in esilio nel 732 a. C (Cf. 2Re 15,29). Le «pecore perdute della casa d’Israele» sono i primi destinatari del Vangelo. In questa denominazione non dobbiamo vedervi necessariamente una distinzione su base raziale degli Israeliti dai pagani. In continuità con il ministro del Battista, Gesù si rivolge a coloro che vivono in un contesto pagano e che rischiano di mantenere solo formalmente l’appartenenza al popolo d’Israele ma vivendo alla maniera pagana. Il Battista si era rivolto con parole dure proprio a chi si vantava di essere figlio di Abramo ma che non faceva frutti di conversione (Mt 3, 7-8).

L’intento di Gesù non è di fare proselitismo ma di esortare alla conversione in modo da entrare nel regno di Dio, il vero popolo d’Israele. Nella visione dell’evangelista il vangelo di Gesù viene a illuminare chi è avvolto nelle tenebre per aprirgli la via che conduce a ricevere il regno preparato dal Padre fin dalla fondazione del mondo (Cf. Mt 25,34). Gesù è il Vangelo di Dio, luce per tutti gli uomini. Nell’andare di Gesù in Galilea si rivela l’avvicinarsi del Regno dei cieli agli uomini. Il Regno sta ad indicare Dio quale re nell’esercizio della sua regalità. Egli non viene per giudicare e condannare ma per salvare. Le tenebre richiamano il caos originario al quale Dio aveva posto un limite con la sua parola affinché la luce potesse trovare spazio. La citazione di Isaia parla di tenebre e di luce.

I regni del mondo e la loro gloria, presentati dal demonio nell’ultima tentazione, ispirati dalla logica pagana del possesso e del potere fine a sé stesso, sono fautori di confusione e disordine. Gesù rifiutandosi di prostrarsi davanti al demonio rinuncia alla gloria mondana per amare il Padre offrendo a Lui la sua vita. Così egli diventa veramente il Re dell’universo; regno di Giustizia e di pace. Il regno di Dio viene a stabilire un ordine fondato sulla comunione e la solidarietà compassionevole. Giovanni Battista nella sua predicazione aveva posto l’accento sul fuoco del giudizio, quello che nella parabola del giudizio universale viene chiamato «fuoco eterno» (Mt 25,41) o «supplizio eterno» (Mt 25,46). Questa è la condizione finale di chi crede di essere giusto e dalla parte della verità e giudica gli altri negando la misericordia. Tali sono anche i falsi profeti che non producono frutti di conversione e che sono destinati ad essere gettati nel fuoco. Essi sono quelli che predicano e compiono opere nel nome del Signore ma sono operatori d’iniquità perché non hanno fatto un cammino di conversione mediante il quale prepararsi ad ascoltare e mettere in pratica la Parola di Dio (cf. Mt 7, 15-23).

La vicinanza del Regno dei cieli, ovvero l’attualità della regalità di Dio, è una provocazione a cui si è invitati a rispondere con la conversione. L’imperativo dice il dovere, la necessità stringente a cogliere l’occasione che Dio offre. Non c’è alternativa alla salvezza offerta da Dio se non la perdizione a cui invece spinge il demonio. L’uomo si trova sempre ad un bivio in cui scegliere se credere a Dio, seguendo la sua Parola, oppure optare di lasciarsi sedurre dalla logica del maligno che fa sprofondare nell’abisso del fallimento. La Parola di Gesù è vangelo che annuncia la buona notizia del fatto che Dio regna. Questo annuncio diventa esortazione alla conversione, ovvero a scegliere la via che porta alla salvezza. 

Nel racconto di Matteo segue la chiamata dei primi quattro discepoli, due coppie di fratelli, ai quali è rivolto l’invito ad andare dietro a lui. L’imperativo della conversione e della sequela coincidono. Convertirsi significa lasciare tutto per seguire Gesù. La conversione è la scelta di non anteporre nulla a Dio ma di ordinare tutto a Lui. Essere pescatore di uomini vuole dire sottrarre gli uomini dalla signoria del mondo perché essi possano partecipare alla regalità di Dio. Zabulon e Neftali sono due figli di Giacobbe a cui fu assegnato una porzione della terra promessa. Questa terra, ricevuta dalle mani di Dio, fu persa perché l’animo degli Israeliti si era pervertito, per cui quello che prima era un dono poi divenne qualcosa da possedere. L’obbedienza si trasforma in indifferenza e autoreferenzialità. 

Dietro Gesù i pescatori del lago di Tiberiade diventano pescatori di uomini. Essi, che prima traevano il sostentamento dal loro lavoro, ora, seguendo Gesù, dipendono totalmente da lui. La sequela comporta l’appartenenza e la dipendenza da Gesù. Questa è la povertà di spirito dichiarata beata da Gesù perché tale condizione di vita permette il possesso e la piena appartenenza al regno di Dio.

La conversione è un cambiamento di mentalità per cui si passa dal primato del dare o fare a quello del ricevere la Parola. I fratelli sono identificati con il loro lavoro di pescatori. Invitando gli uomini a seguirlo, Gesù non promette di dare loro qualcosa ma di renderli persone nuove la cui vita non dipende da quello che ottengono con la fatica del lavoro ma dall’accogliere i fratelli che Dio dona per appartenere insieme all’unica famiglia.

Per i due fratelli, Giacomo e Giovanni, lasciare il padre e la barca comporta la rinuncia all’eredità paterna. Questo vuol dire che i discepoli che seguono Gesù interpretano la loro vita non più come accettazione di un’eredità umana ma come modo di vivere la figliolanza riferendola al Padre di Gesù che diventa anche il loro. 

La missione itinerante di Gesù in Galilea viene riassunta con tre attività: insegnare, annunciare e guarire. Egli si presenta come il Maestro che insegnala Legge occupando la cattedra di Mosè nella sinagoga, come il messaggero i cui piedi calcano la strada degli uomini per proclamare il Vangelo di Dio col quale rendere nota la presenza di Dio che viene a guarire l’uomo da ogni forma di infermità, soprattutto quella dello spirito. Dio viene per riconciliarsi con l’uomo e renderlo partecipe della sua vita. La Parola con la quale Dio crea costituisce suoi figli quelli che l’accolgono e che la fanno diventare stile di vita.

Leggi la preghiera del giorno.

Commento a cura di don Pasquale Giordano
Vicario episcopale per l’evangelizzazione e la catechesi e direttore del Centro di Spiritualità biblica a Matera

Fonte – il blog di don Pasquale “Tu hai Parole di vita eterna